Diletta Leotta e la Canalis: insieme a Milano per il lancio di un nuovo brand

Diletta Leotta e la Canalis: insieme a Milano per il lancio di un nuovo brand
Gazzetta del Sud CULTURA E SPETTACOLO

E’ quanto accaduto ieri notte in un noto locale del capoluogo lombardo dove a presenziare al lancio di un marchio di abbigliamento online si sono ritrovate Diletta Leotta ed, Elisabetta Canalis.

Sia i fan della cronista di Dazn che della modella sarda si sono fatti sentire, manifestando su Instagram tutto il proprio entusiasmo.

Ad immortalare l’incontro è stata la bionda giornalista siciliana che ha pubblicato su Instagram il video della serata. (Gazzetta del Sud)

La notizia riportata su altri media

E a cuore aperto ha confessato: “Ho pensato che la mia vita fosse finita, che non sarei più uscita di casa”. Diletta Leotta è spesso finita al centro della cronaca per motivi extra-professionali. (Ck12 Giornale)

Sembra essere nata una grande complicità tra Can Yaman e un nuovo volto, Diletta Leotta è ormai lontana dall’attore…. Ormai è certezza, Can Yaman e la giornalista sportiva Diletta Leotta sono ormai single. (DirettaNews.com)

"Le lacrime di Can Yaman rimasto solo", scrive la rivista di gossip pubblicando le foto in cui il turco si strofina gli occhi dopo aver pianto. Attimi complicati per Can Yaman. (Corriere dello Sport.it)

Diletta Leotta: "Le mie foto in rete? Un momento tragico. Ho pensato che la mia vita fosse finita"

Diletta Leotta apparterrebbe già al passato, al suo posto la Chillemi. L’attore turco potrebbe averlo già fatto: Yaman, infatti, è impegnato sul set di “Viola come il mare”, la nuova fiction targata LuxVide, con lui un cast corale pronto a emozionare il pubblico a casa. (CalcioToday.it)

TV e Spettacolo. Diletta Leotta ha vissuto sulla sua pelle il dramma del revenge porn. La conduttrice sportiva ha raccontato quanto vissuto quando ha scoperto che le sue immagini erano state diffuse online. (Thesocialpost.it)

Lui mi ha mandato la prima foto e io ho sentito un vuoto dentro, mi si è bloccato il respiro credo per più di dieci minuti, non riuscivo proprio a respirare. Parole come stalking, haters, revenge porn, body shaming saranno al centro della narrazione, una violenza che non fa distinzioni e che può colpire anche donne forti. (Today.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr