Roma, la candidata di Azione Cecilia (senza cognome) e l'attacco della Murgia: campagna sessista

Roma, la candidata di Azione Cecilia (senza cognome) e l'attacco della Murgia: campagna sessista
Corriere della Sera INTERNO

Spero di essere giudicata per le mie idee e non per il mio cognome» scrive la candidata di Azione su twitter

Senza cognome.

Il manifesto di una iniziativa elettorale: da un lato Carlo Calenda, dall’altro una delle candidate di Azione a Roma.

Per semplificare la possibilità di votarmi sono stata iscritta alle liste elettorali come Cecilia Frielingsdorf detta Cecilia.

Un episodio che non è sfuggito a Michela Murgia (Corriere della Sera)

Su altre testate

Quella della Murgia è una dietrologia inutile e senza né capo né coda: chi lo dice che che dietro a quel "grazie" vi siano traguardi irragiungibili dalle donne? I maschi devono stare attenti, d'ora in poi: perché dietro un semplice "grazie" può nascondersi, in realtà, una concezione discriminatoria della donna figlia della società patriarcarle. (ilGiornale.it)

La Murgia se ne facesse una ragione, a volta una decisione che non le piace la può prendere anche una donna Tra i candidati che porta a Roma c’è la rappresentante del Consiglio d’Istituto del Liceo Righi, Cecilia Frielingsdorf. (Il Primato Nazionale)

Il mito della musa ispiratrice, creatura ultraterrena che nel segreto guida l’uomo alle imprese epiche, è uno dei fondamenti essenziali dell’immaginario del patriarcato. A servirli venne il padrone in persona e Michelle riconobbe in quell’uomo un ex compagno di liceo con cui aveva avuto un flirt. (L'Espresso)

Michela Murgia su Benigni: "Il grazie alla moglie? Meccanismo tossico"

Il problema è che questa donna di cognome non fa Rossi o Verdi ma Frielingsdorf Dimensioni testo Piccolo. Normale. Grande. Michela Murgia è riuscita nell’impresa di fare due figuracce in un colpo solo. (Nicola Porro)

Gentile Michela Murgia e cari elettori, mi chiamo Cecilia Frielingsdorf. Per semplificare la possibilità di votarmi sono stata iscritta alle liste elettorali come Cecilia Frielingsdorf detta CECILIA. (neXt Quotidiano)

E ancora: "Benigni, certamente in buona fede, ai microfoni veneziani ha evocato alla perfezione. Per Michela Murgia mostrava una "storiella perfetta", in cui una donna viene ringraziata per aver fatto raggiungere a un uomo traguardi che a lei sono negati". (YouTG.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr