Il Garante per la Privacy chiede a Facebook un servizio per verificare il furto dei dati

La Stampa SCIENZA E TECNOLOGIA

Il Garante per la Privacy chiede a Facebook di adottare misure dopo il furto dei dati avvenuti ai danni di 36 milioni di italiani, quasi tutti gli iscritti al social network.

In particolare il Garante per la protezione dei dati personali chiede al social network di rendere immediatamente disponibile un servizio che consenta agli utenti italiani di verificare se la propria numerazione telefonica o il proprio indirizzo mail siano stati interessati dalla violazione. (La Stampa)

Su altre fonti

Ma i dati rubati non sono nel DarkWeb. Rimane il fatto che tutti questi database rubati sono come le mele sull'albero: aspettano solo di essere colte Adesso tutti sono curiosi di sapere se il collega o il vicino di casa sono finiti nel database dei dati rubati a Facebook. (La Repubblica)

Scopri se i tuoi dati sono presenti nel dataleak di Facebook. Che è successo a Facebook? Ad Aprile 2021 è venuto alla luce un enorme dataset di dati personali per più di 500 milioni di utenti Facebook. (Player.it)

Basta andare a questo indirizzo e inserire la propria mail o il proprio numero di telefono per scoprire se e quante volte queste informazioni sono state violate. Per esempio potreste ritrovarvi parte di un breach di siti che ormai non utilizzate più da tempo, non solo quello di Facebook. (Corriere della Sera)

Cosa fare per evitare che il furto di dati da Facebook diventi un disastro

Per questo motivo è importante approfondire il discorso, vedendo subito uno strumento per verificare se anche i propri dati siano finiti in questo immenso calderone e riportando la posizione di un portavoce di Facebook. (TuttoAndroid.net)

ACCOUNT FACEBOOK VIOLATO, COME FARE PER SCOPRIRLO: 533MILIONI DI UTENTI HACKERATI. POTREBBE INTERESSARTI → Facebook, rubati i dati personali di milioni di profili. Sappiate che c’è un modo per capire se anche voi siete fra i 35 milioni di nostri connazionali le cui informazioni sono state rubate. (Computer Magazine)

Il Garante per la protezione dei dati personali ha chiesto al social network di rendere immediatamente disponibile un servizio che consenta a tutti gli utenti italiani di verificare se la propria numerazione telefonica o il proprio indirizzo mail siano stati interessati dalla violazione. (AGI - Agenzia Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr