Coronavirus, la Regione: «indice di contagio discriminatorio per le piccole realtà come la Valle d'Aosta»

gazzettamatin.com gazzettamatin.com (Interno)

Non vorrei la Valle d’Aosta diventasse un caso ndr) alla stampa sull’indice Rt della Valle d’Aosta.

Coronavirus, la Regione: «indice di contagio discriminatorio per le piccole realtà come la Valle d’Aosta».

La notizia riportata su altri media

Commenta per primo Il presidente dell' Istituto Superiore di Sanità ( ISS ) Silvio Brusaferro ha detto in conferenza stampa: "Non ci sono novità sulla curva epidemica, non si registrano variazioni significative. (Calciomercato.com)

Venerdì 22 maggio 2020 - 13:52. Brusaferro (Iss): affrontare con attenzione mobilità fra regioni. Tema importante che non è legato a indice Rt. Roma, 22 mag. “Le modalità per gestirli andranno affrontate a mano a mano per capire esattamente come fare questa mobilità regionale. (askanews)

Specificherebbe inoltre, che il calo si mostra in forma più netta soprattutto in Lombardia, nonché regione più colpita da questa epidemia. Dopo l’inizio della fase 2, in vigore dal 4 maggio, a partire lunedì 18 maggio c’è stato un nuovo allentamento delle restrizioni. (Centro Meteo italiano)

“La curva epidemica“, spiega,. “procede come ci siamo detti, non ci sono innovazioni, si mostra chiaramente in calo e i dati continuano a garantire lo stesso tipo di profilo”. I dati dicono che a essere colpite sono persone anziane soprattutto donne. (MeteoWeek)

La curva epidemiologica dei contagi da coronavirus è in calo in tutte le regioni, compresa la Lombardia. Buone notizie dalla conferenza stampa dell’Iss, presieduta da Silvio Brusaferro: la curva dei contagi da coronavirus risulta essere in calo in tutte le regioni, compresa la Lombardia, che risulta ancora tra le aree a rischio medio. (Notizie.it )

Il virus circola ancora e non possiamo allentare le misure di comportamento individuale. «Le nostre misure hanno funzionato in tutte le regioni, sia dove è circolato molto intensamente sia dove è circolato molto meno. (L'Eco di Bergamo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr