Scintille in pista tra Mir e Miller nel GP di Doha tra colpi proibiti e accuse

Scintille in pista tra Mir e Miller nel GP di Doha tra colpi proibiti e accuse
Sport Fanpage SPORT

Se l'ha fatto apposta deve essere punito" ha detto infatti Mir a riguardo

Il duello tra Joan Mir e Jack Miller non sembra essersi concluso dopo il traguardo del GP di Doha, seconda prova del Mondiale 2021 della MotoGP.

Tutto nasce da un'aggressiva entrata di Mir che di forza si è inserito all'interno superando Miller poco dopo metà gara.

Il contatto finisce sotto investigazione ma i commissari decidono di non intervenire classificandolo come un normale contatto di gara. (Sport Fanpage)

Su altre testate

Joan Mir ai microfoni della stampa ha poi affermato con rabbia che secondo lui la manovra di Miller fosse stata intenzionale. Siamo quasi caduti sul rettilineo, quindi penso che fosse stato molto rischioso, è stata una manovra molto pericolosa e credo che fosse intenzionale”. (Motorsport.com Italia)

La solita Suzuki, che sul giro secco paga decimi ai migliori, ma che non può essere assolutamente sottovalutata in ottica-gara. In qualifica Mir ha centrato il miglior tempo del Q1 ma non è mai stato in grado di dare l’assalto alla pole. (FormulaPassion.it)

Io alla 10 ho fatto una manovra rischiosa ma nei limiti, gli ho chiesto scusa ma l'ho fatto incazzare. Spero non si ripeta nulla del genere, è stata un'azione pericolosissima" (Sky Sport)

MotoGP 2021, GP Qatar/2. Jack Miller andava sanzionato per il contatto con Joan Mir

Nel doppio round MotoGP al Gran Premio di Doha due Desmosedici GP 21 sono salite sul podio, ma tra i vincitori non c’era la Ducati di Miller. Il problema fisico ha sicuramente messo in grave difficoltà Miller, un’eventuale operazione rischierebbe di far saltare la gara a Portimao (SuperNews)

A metà gara, in curva 10, il maiorchino ha compiuto una manovra rischiosa e toccato la spalla di Jack Miller, che non ha avuto altra scelta che allargarsi per evitare che entrambi cadessero. Sul circuito di Losail il campione della Suzuki e l'australiano della Ducati hanno iniziato a spintonarsi sin dal primo giro. (Corse di Moto)

Io ero largo e ho tenuto la mia traiettoria, c’è stato un contatto” Mi sono messo nella giusta posizione, sono stato all’interno, mentre lui è stato un po’ largo. (Moto.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr