Berlusconi chiede lealtà agli alleati. Per il Pd e l'M5s perde tempo

Berlusconi chiede lealtà agli alleati. Per il Pd e l'M5s perde tempo
AGI - Agenzia Giornalistica Italia INTERNO

Neanche quello di Draghi, ha fatto un accenno solo Salvini per dire che deve andare avanti a palazzo Chigi.

La convinzione di Enrico Letta è che procedendo in questo modo il centrodestra perda tempo.

Ora “se Berlusconi avrà i numeri si vedrà presto”, ha detto Salvini

A tenere i canali con il presidente del Consiglio è proprio Letta che ha visto il suo capo di gabinetto, Funiciello.

L’ex fronte rosso-giallo è alla ricerca di un candidato condiviso ma nel Pd cresce il partito ‘pro Draghi’. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

La notizia riportata su altri media

Dopo due ore e mezzo spese addentando manicaretti e parlando di Quirinale i leader convenuti a Villa Grande diramano il loro comunicato. Sembra un gioco di parole invece è l’esito bizantino del minuetto antichissimo nel quale si destreggia il centrodestra. (Il Manifesto)

Il vertice dei leader a villa Grande si conclude con un comunicato congiunto in cui si chiede appunto al Cavaliere di «sciogliere la riserva» Lo candidano ma vogliono vederci chiaro: «Dove sono questi voti?». (La Stampa)

Non a caso, nella cerchia ristretta del premier considerano la battaglia di Berlusconi un probabile viatico per il Colle. Se Silvio deciderà di "non sfracellarsi" per il centrodestra si porrà il problema di mettere a punto un piano B (Quotidiano.net)

Con o senza Berlusconi in corsa per il Colle: tutti i tormenti di Salvini

«I leader della coalizione hanno convenuto che Silvio Berlusconi è la figura adatta a ricoprire in questo frangente difficile l'Alta Carica» di capo dello Stato «con l'autorevolezza e l'esperienza che il Paese merita e che gli italiani si attendono». (ilmattino.it)

Questa è la mia opinione da cittadino della Repubblica", conclude Giampiero Mughini 14 gennaio 2022 a. a. a. Non ha nulla in contrario alla candidatura di Silvio Berlusconi al Quirinale ma Giampiero Mughini, ospite di Barbara Palombelli a Stasera Italia su Rete 4, nella puntata del 14 gennaio, è costretto ad ammettere che quello del Cavaliere è un nome "divisivo". (Liberoquotidiano.it)

Il proporzionale, magari anche per i frequenti contatti con Matteo Renzi, forse oggi gli sembra meno brutto di qualche giorno fa. E anche nella storia, politicamente quasi altrettanto lunga, di Matteo Salvini . (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr