Roma, sesso con alunna minorenne: professoressa arrestata

Roma, sesso con alunna minorenne: professoressa arrestata
Virgilio Notizie Virgilio Notizie (Interno)

A fine estate, in lacrime, la ragazza avrebbe poi confidato ai genitori la relazione durata circa 4 mesi, mostrando anche i messaggi allusivi, ma mai espliciti, della professoressa.

Come riporta ‘La Repubblica’, l’insegnante avrebbe avvicinato piano piano la ragazza, lodando le sue capacità di studentessa e parlandole d’arte, loro passione comune.

Su altre testate

Le due trascorrono molto tempo insieme e la giovane, a un certo punto, capisce che la sua insegnante vuole qualcosa di più, cerca di allontanarsi, ma alla fine cede alle lusinghe insistenti della docente. (Orizzonte Scuola)

Dopo qualche mese e dopo un'audizione protetta della minorenne, depositano un'informativa che convince il pm di Roma Stefano Pizza a chiedere i domiciliari per la professoressa. In casa sono ore di disperazione ma alla fine i genitori si convincono: vanno dai carabinieri e denunciano. (la Repubblica)

I militari hanno sequestrato il suo cellulare: il sospetto è che ci siano altre studentesse che sono cadute in quella stessa trappola, che quello usato con Alessandra fosse un canovaccio andato in scena già altre volte. (Il Fatto Quotidiano)

Sono i genitori a presentare denuncia ai carabinieri che, dopo mesi di indagini, depositano un'informativa alla Procura di Roma, grazie alla quale il pm Stefano Pizza ha richiesto la custodia cautelare agli arresti domiciliari per l'insegnante. (Fanpage.it)

L'estate scorsa l'adolescente ha confidato ai genitori la fine di una relazione durata circa 4 mesi. Dopo mesi di indagine la professoressa ieri è stata posta agli arresti domiciliari con l'accusa di atti sessuali con minore (Today.it)

La donna è stata arrestata a Roma dopo la denuncia di una sua alunna, una ragazza di 17 anni che avrebbe ricevuto le attenzioni della docente un anno fa, quando ne aveva 16. La notizia è stata data da Repubblica e pubblicata dal Corriere Adriatico. (Corriere dell'Umbria)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr