“Ecco le prove dell'avvelenamento di Navalny”

“Ecco le prove dell'avvelenamento di Navalny”
Ticinonews.ch ESTERI

Nella versione che ci è stata rilasciata ufficialmente manca un documento molto importante”, sostengono gli alleati di Navalny

“Abbiamo compilato una tabella di incongruenze in modo da sapere esattamente cosa è stato aggiunto alla versione ufficiale e cosa è stato rimosso dalla versione non ufficiale”, si legge sul sito di Navalny.

È strano che ci siano, perché la cartella clinica è stata nell’archivio per molto tempo e dovrebbe essere già in perfette ‘condizioni finali’. (Ticinonews.ch)

Su altri media

Cioè dopo che Alexei è stato dimesso e il giorno dopo che la clinica Charité di Berlino ha annunciato che Navalny era stato avvelenato «Abbiamo compilato una tabella di incongruenze in modo da sapere esattamente cosa è stato aggiunto alla versione ufficiale e cosa è stato rimosso dalla versione non ufficiale», si legge sul sito di Navalny. (Corriere del Ticino)

Un tribunale della capitale ha designato come "estremiste" le organizzazioni che fanno capo all'oppositore (TG La7)

Nel mirino della sentenza ci sono in particolare la Fondazione per la lotta alla corruzione (FBK), conosciuta per le sue inchieste sulle élite russe, e gli uffici regionali di Navalny, che organizzavano manifestazioni e campagne elettorali. (RSI.ch Informazione)

Putin spara l'ultimo colpo sulle reti di Navalny. Blindate le elezioni di settembre

Cioè dopo che Alexey è stato dimesso e il giorno dopo che la clinica Charite di Berlino ha annunciato che Navalny era stato avvelenato È strano che ci siano, perché la cartella clinica è stata nell’archivio per molto tempo e dovrebbe essere già in perfette ‘condizioni finali’. (Il Fatto Quotidiano)

A una manciata di giorni dall’attesissimo incontro tra Joe Biden e Vladimir Putin, la Russia infligge l’ultimo colpo al movimento di opposizione che fa capo ad Alexei Navalny, che resta chiuso in carcere dal gennaio scorso. (L'HuffPost)

Ieri un tribunale ha dichiarato che tutti i gruppi che fanno capo ad Aleksej Navalny, il principale oppositore, sono organizzazioni estremiste. In previsione della decisione ampiamente pubblicizzata in anticipo dalle strutture di potere, gli oppositori avevano già sciolto tutti gli organismi interessati. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr