Covid in ospedale, trenta contagiati tra il personale: allarme in due reparti

Covid in ospedale, trenta contagiati tra il personale: allarme in due reparti
ilgazzettino.it SALUTE

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

ei due ospedali cittadini il momento è delicato per due motivi.

Così ieri c’erano ancora 30 casi positivi.

Primo: la zona rossa non ha dato i frutti sperati.

Secondo: una piccola parte del personale non si è ancora vaccinata, vuoi per renitenza vuoi per condizioni fisiche che sconsigliano l’iniezione.

(ilgazzettino.it)

Ne parlano anche altre fonti

Covid e contagio all’aria aperta: perché quindi non riaprono le attività outdoor? Lì si sono analizzati 27.000 casi di Covid 19, arrivando alla conclusione che il numero di contagi all’aria aperta era così basso da essere assolutamente insignificante. (Ok Salute e Benessere)

Quartu Sant’Elena, identificato e denunciato l’autore dell’incendio di auto in via Livatino. Sono state le meticolose indagini avviate immediatamente dai poliziotti dell’Ufficio Investigativo e delle Volanti del Commissariato di Quartu Sant’Elena, all’indomani dell’atto incendiario compiuto durante la notte dello scorso 24 gennaio, ai danni di una donna, volto noto della tv e dei social, vittima del grave danneggiamento della propria auto. (Casteddu Online)

Sono ripresi da lunedì 22 marzo i controlli realizzati dal Corpo forestale della Regione per vigilare sul rispetto delle regole stabilite per l’emergenza sanitaria da Covid-19. (La Nuova Sardegna)

Covid in ospedale a Padova, trenta contagiati tra il personale: allarme in due reparti

Tre ricoverati che portano ad un totale di 79 gli agrigentini ospedalizzati e 29 guariti. Di questi, 38 si trovano al "San Giovanni di Dio", 5 al "Fratelli Parlapiano" di Ribera e 12 al "Giovanni Paolo II" di Sciacca. (AgrigentoNotizie)

Per ora i sintomi non sono così forti, dolore alle ossa e qualche linea di febbre. Marco Della Pietra, sindaco di Spresiano ha annunciato con queste parole su Facebook la sua positività al Coronavirus. (TrevisoToday)

L’area subintensiva dove si curano i pazienti con ridotta possibilità respiratoria grazie ai ventilatori ha toccato nei due giorni di festa il massimo, 50 accolti. E poi c’è stato il fine settimana di Pasqua, giorni nei quali il Pronto Soccorso ha sempre molto da fare. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr