Il rebus Gianni Letta sul Quirinale, retroscenisti scatenati: quel colloquio a Palazzo Chigi che irrita Berlusconi

Il rebus Gianni Letta sul Quirinale, retroscenisti scatenati: quel colloquio a Palazzo Chigi che irrita Berlusconi
Secolo d'Italia INTERNO

Perché Gianni Letta, prima del vertice del centrodestra, si è recato a Palazzo Chigi e ha parlato con Antonio Funiciello, capo di gabinetto del premier Draghi?

«Che vuol dire che è andato a Palazzo Chigi stamattina?

Gianni Letta a palazzo Chigi prima del summit del centrodestra. I più “cattivi” sostengono, stia accarezzando l’idea di andarci lui al Quirinale al posto di Silvio

E perché Gianni Letta avrebbe taciuto dell’incontro durante il vertice del centrodestra?

Le agenzie di stampa hanno raccontato che il consigliere storico di Silvio Berlusconi si è presentato a Palazzo Chigi. (Secolo d'Italia)

La notizia riportata su altre testate

E’ quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato il 14 gennaio. Il consenso massimo è stato raggiunto da Draghi il 3 settembre quando si è attestato al 61,7%, poi è iniziata una graduale discesa con qualche risalita. (Sardegna Reporter)

"Dovremo decidere come comportarci se il centrodestra andrà avanti con la scelta profondamente sbagliata di candidare il capo politico più divisivo che possa esserci, perché ogni capo politico è divisivo, ma quando parliamo degli ultimi 25 anni, è difficile pensare a una capo politico più divisivo di lui. (Corriere TV)

A tutte le forze propongo accordo per patto di legislatura". "Nella decisione del centrodestra c’è un primo punto assolutamente chiaro, non c’è nessun diritto di precedenza che il centrodestra può vantare per indicare il presidente della Repubblica". (Adnkronos)

Quirinale: letta, 'da decidere con alleati scelte per prime votazioni'

Quirinale, Letta: “Ok dialogo con centrodestra, ma su nome condiviso: no Berlusconi” “Siamo disponibili per un dialogo, ma questo deve avvenire su un nome condiviso, una personalità istituzionale e non un capo di partito”: lo ha detto Enrico Letta, parlando della partita del Quirinale e ribadendo ancora una volta il veto del Pd alla candidatura di Silvio Berlusconi (Fanpage.it)

«Berlusconi non passerà. Da ex ministro delle Regioni e da responsabile enti locali dei dem, Francesco Boccia di numeri se ne intende, tanto che ha già contato quelli dei delegati regionali, «che vedono nel Pd il partito con il maggior numero di designati» (La Stampa)

E poi come comportarci se il centrodestra continuerà in questa scelta, sbagliata, di puntare su Berlusconi". 15 gennaio 2022 a. a. a. Roma, 15 gen (Adnkronos) - "Se le prime tre votazioni saranno senza accordo dobbiamo fare una scelta, insieme ai nostri alleati, se andremo votando scheda bianca o tutti insieme convergere su un nome. (LiberoQuotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr