Afghanistan, i militari italiani smontano la base di Camp Arena

Afghanistan, i militari italiani smontano la base di Camp Arena
Altri dettagli:
Corriere TV INTERNO

Si avvia a conclusione la quasi ventennale presenza del contingente italiano in Afghanistan.

Le operazioni di rimpatrio di uomini e mezzi, avviate a maggio, si concluderanno a breve, in sintonia con l'accelerazione impressa dagli Stati Uniti, che intendono lasciare il Paese entro metà luglio.

Le immagini mostrano i soldati italiani mentre smontano la base militare di Camp Arena ad Herat

(Corriere TV)

Su altre testate

Fine di un'era L'Italia ammaina la bandiera in Afghanistan. "Sono 53 le lacrime che non dimenticheremo", ha detto il capo di Stato maggiore della Difesa, Vecciarelli, riferendosi ai militari italiani caduti. (Rai News)

Lo ha detto il ministro della Difesa Lorenzo Guerini che ha reso omaggio al lavoro svolto dal contingente italiano ad Herat. Vogliamo continuare a rafforzare questo Paese dando anche continuità all'addestramento delle forze di sicurezza afghane per non disperdere i risultati ottenuti in questi 20 anni". (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Herat, 09 giugno 2021 L’Italia si ritira dall’Afghanistan. Lo ha detto il generale Beniamino Vergori, comandante della brigata Folgore (Corriere TV)

Via dall'Afghanistan: così l'Italia ammaina l'ultima bandiera. Vent'anni di missione per portare la pace

Così il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, ad Herat in occasione dell’ammaina-bandiera per la conclusione della missione Nato nel Paese (LaPresse) – “Non vogliamo che l’Afghanistan torni ad essere un luogo sicuro per i terroristi. (LaPresse)

Per la fine della missione, ad Herat durante la cerimonia di ammaina bandiera anche il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini. Cerimonia ammaina bandiera per le truppe italiane a Herat. (LaPresse)

Credo il rientro dei militari debba essere accompagnato da un grande impegno che la Nato dovrà realizzare in questa fase di passaggio. Ma quella terra per l'Italia ha voluto dire molto di più, perché in due decenni i nostri militari sono riusciti a entrare nel cuore degli abitanti della terra degli aquiloni. (il Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr