La nuova “normalità” squassata da tre ragazzini che si lanciano nel vuoto

Tempi.it INTERNO

Per la morte del loro ragazzo è stata aperta una inchiesta a carico di ignoti per istigazione al suicidio.

Il primo giorno di scuola è finito: solo la dodicenne è sopravvissuta a uno schianto da dieci metri, e versa in condizioni gravissime a Niguarda.

Cosa c’è dietro quei titoli, “due suicidi e un tentato suicidio in poche ore a Milano”?

Perché tre suicidi non ci lasciano tranquilli?

Non si conoscevano, i tre adolescenti, non c’è alcun collegamento, scrivono i giornali, tra i tre lanci nel vuoto, solo «un’assurda coincidenza». (Tempi.it)

La notizia riportata su altri giornali

Nella comunicazione e nel dibattito pubblico non vi è più spazio per commentare e riflettere su una giornata nerissima che ha coinvolto la generazione adolescente di Milano. Un “eventificio” continuo, moderno luna park con corredo di fenomeni da baraccone, che pare essere l’unico alimento utile alla nostra autoreferenzialità (Il Fatto Quotidiano)

La ragazza di 15 anni suicida a Bollate. La seconda tragedia in zona Cenisio. Il dramma in un appartamento zona Comasina. Lunedì 13 settembre nel capoluogo lombardo si sono consumateche hanno visto protagonisti degli adolescenti. (Skuola.net)

Bianchi. Interviene così il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi: “Il fatto che ci siano stati tre casi di suicidio il primo giorno di scuola è una coincidenza molto grave. Un’altra ragazza di 12 anni, invece, è ricoverata in gravi condizioni, anche lei dopo aver tentato il suicidio (Oggi Scuola)

Quando si è tolto la vita, il giovane, di origini cinesi, era in casa insieme alla sorella. Anche in questo caso non sono stati ancora accertati i motivi che hanno portato la giovane a compiere questo gesto estremo. (Fidelity News)

re drammi in poche ore a Milano dove ci sono stati due suicidi e un tentato suicidio, tutti con giovanissimi come tragici protagonisti. Inquirenti e investigatori intendono far luce sui motivi che hanno portato il ragazzino a compiere il tragico gesto che per ora non riesce a trovare spiegazione (corriereadriatico.it)

Potrebbe nascondersi l'ombra di una sfida online dietro il suicidio del quindicenne cinese che, nella giornata di lunedì, si è lanciato nel vuoto dal dodicesimo piano di un palazzo alla periferia Nord di Milano (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr