Hamilton: “Curva era mia, Max sappia che io non alzo il piede”

Hamilton: “Curva era mia, Max sappia che io non alzo il piede”
FormulaPassion.it INTERNO

“Godermi la vittoria dopo quanto successo con Max?

Le regole dicono che quando la tua ala anteriore è all’altezza della gomma posteriore della macchina davanti, la curva è sua.

Mi ha lasciato strada e mi ha dato la possibilità di andare a lottare per la vittoria”, ha concluso

Hamilton precedentemente aveva voluto anche rendere merito a Leclerc, ostico rivale per questo fondamentale successo di tappa. (FormulaPassion.it)

Ne parlano anche altre testate

Soprattutto, però, Hamilton ha riaperto il Mondiale, approfittando dell’uscita di scena del leader, Max Verstappen. L’olandese della Red Bull è andato a sbattere già al primo giro, dopo un contatto con lo stesso Lewis destinato a far discutere. (Corriere del Ticino)

Il super consulente della Red Bull, intervenuto ai microfoni di Sky Germania, ha attaccato in maniera molto dura Che Hamilton e Verstappen dovessero entrare in contatto - un contatto pesante - nel corso di un gran premio di F1 doveva succedere, prima o poi. (Motorsport.com Svizzera)

Ad inseguire proprio Hamilton, che proverà a riprendere la posizione che ha causato l’incidente con Verstappen Intanto, dopo l’interruzione del Gran Premio, la ripartenza ha visto riprendere la corsa con Charles Leclerc e la sua Ferrari in prima posizione. (Live Sicilia)

F1, quante sfide ruota a ruota… con annesse polemiche

La penalità non ci ha aiutati e non ha reso giustizia alla pericolosa manovra di Lewis in pista. Duro post dell’olandese della Red Bull contro il rivale della Mercedes: “La penalità di 10 secondi non ci rende giustizia per la manovra di Lewis. (Corriere Quotidiano)

Ad avere la peggio è stato Verstappen finito contro le protezioni a 300 Km/h. Hamilton ha affiancato la monoposto di Max e quando l’olandese ha impostato la traiettoria le due vetture si sono toccate. (Motorsport.com Italia)

Un contatto che con ogni probabilità accenderà ancora di più la rivalità fra chi non ha alcuna intenzione di abdicare e il pretendente al trono. La storia delle corse è ricca di precedenti (Il Posticipo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr