Vaiolo delle scimmie, cosa succede in Italia? «Fase di picco, ma i casi sono almeno il doppio»

Vaiolo delle scimmie, cosa succede in Italia? «Fase di picco, ma i casi sono almeno il doppio»
ilmessaggero.it SALUTE

«Abbiamo analizzato i dati dei primi 10 Paesi più colpiti dal vaiolo delle scimmie», anticipa all'Adnkronos Salute Maruotti «in alcuni, come la Germania, è stato già raggiunto il picco.

Nell'ultimo bollettino del ministero della Salute sono 505 i casi confermati.

Un'analisi sui numeri del vaiolo delle scimmie che evidenzia come «in Italia siamo vicini al picco, ma i casi sono sottostimati: probabilmente sono almeno il doppio». (ilmessaggero.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Secondo l’ultimo report della Regione, finora in Lombardia sono stati registrati 269 casi di vaiolo delle scimmie, 266 dei quali relativi a uomini Alla Lombardia in questa prima fase saranno consegnate 2 mila dosi sul totale di 4 mila donate dalla Commissione europea. (Corriere Milano)

Dal Ministero della Salute arriva poi un’altra circolare con il piano di distribuzione prima tranche (4.200 dosi) del vaccino antivaiolo Jynneos. Prime 4.200 dosi saranno distribuite nelle 4 regioni più colpite. (Quotidiano Sanità)

Una quota di vaccino resterà stoccata presso il Ministero della Salute, per eventuali emergenze". Infine, indumenti, lenzuola, asciugamani o stoviglie contaminati dal virus di una persona infetta possono contagiare altre persone (il Resto del Carlino)

Vaiolo delle scimmie: parte la campagna vaccinale

Molto stringenti i criteri che danno accesso all’unico vaccino disponibile, quello efficace contro il vaiolo umano ma che protegge all’85% anche dal Monkeypox Con la circolare diramata dal ministero della Salute parte la campagna di vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie, che ha toccato quota 545 casi, 40 in più in tre giorni. (La Stampa)

Lo rende noto il ministero della Salute con una circolare diramata nel tardo pomeriggio di oggi (venerdì 5 agosto). - si legge nel documento - Una quota di vaccino resterà stoccata presso il Ministero della Salute, per eventuali emergenze"Una quota di vaccino resterà stoccata presso il Ministero della Salute, per eventuali emergenze ". (ilGiornale.it)

"Si ritiene importante - sottolinea il ministero della Salute - il coinvolgimento delle associazioni LGBTQIA+ e quelle per la lotta all'HIV, in particolare per favorire una corretta informazione sulla campagna vaccinale". (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr