Perché servirà una soluzione condivisa fra Intesa e Ubi. Parla De Mattia (ex Bankitalia)

Perché servirà una soluzione condivisa fra Intesa e Ubi. Parla De Mattia (ex Bankitalia)
Startmag Web magazine Startmag Web magazine (Economia)

Conversazione di Start Magazine con l’editorialista Angelo De Mattia, già in Banca d’Italia, sull’Ops di Intesa Sanpaolo su Ubi Banca e non solo. Meno pandemia, più finanza.

La questione più dibattuta negli ultimi giorni riguarda la quota di Ubi Banca che Intesa Sanpaolo riuscirà a portare a casa.

Se ne è parlato anche su altri media

Per ciascuna azione Ubi viene offerto un corrispettivo unitario, non soggetto ad aggiustamenti, di 1,7 azioni Intesa Sanpaolo. Proprio per rispettare le soglie imposte da quest’ultima, l’offerta prevede, in caso di successo, la cessione di 532 sportelli del nascente gruppo alla banca Bper. (http://gazzettadalba.it/)

Puntiamo al pieno coinvolgimento delle Fondazioni Territoriali di Ubi per fornire un consistente supporto alle comunità territoriali, con un’attenzione particolare alle ricadute sociali”. (Finanza Report)

(Teleborsa) - Patto di Brescia riunito per analizzare l'offerta pubblica di scambio lanciata da Intesa Sanpaolo su UBI Banca. Ogni decisione, quindi, arriverà tra non "meno di una settimana". (Il Messaggero)

Non ci esprimiamo in merito all’Ops e nemmeno facciamo pronostici, ma forniamo all’opinione pubblica locale e alle istituzioni alcuni dati. Nel frattempo, entro fine settimana, dovrebbe esprimersi sull’operazione il Consiglio di amministrazione di Ubi e poi, entro la metà di luglio, l’antitrust; pende ancora un ricorso di Ubi presso il tribunale di Milano, proprio contro l’iniziativa di Banca Intesa (Arezzo Notizie)

Sulla scena di Piazza Affari l’Ops di Intesa Sanpaolo su Ubi e la prossima trasformazione di Cattolica in Spa in vista dell’ingresso di Generali. Il Covid-19 ha vinto il duello con lo sceriffo. In attesa di segnali da Francoforte per Del Vecchio, il mercato si concentra sull’Ops di Intesa che partirà il 6 luglio. (FIRSTonline)

E’ per questo che abbiamo dato vita a Webuild, superando la dimensione ed i limiti familiari di un capitale adatto al passato ma non alle sfide future ed ai mercati globali”. Lo afferma in una nota Pietro Salini, amministratore delegato del Gruppo Webuild. (Padova News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti