Funivia, Eitan esce dall'ospedale e torna a Pavia. Sopralluogo per il fascicolo della Corte dei Conti

Funivia, Eitan esce dall'ospedale e torna a Pavia. Sopralluogo per il fascicolo della Corte dei Conti
Cronachedi.it - Il quotidiano online di informazione indipendente INTERNO

Accanto a lui la zia Aya, arrivata da Israele per stargli accanto e per seguirlo anche nel percorso di recupero.

Eitan torna a Pavia. “Non sappiamo ancora con certezza ma probabilmente sarà seguito sia a Torino che a Pavia” spiegano fonti dell’ospedale in merito al percorso che seguirà Eitan.

Sono almeno 60 i giorni di prognosi per lui, che intanto è tornato a Pavia insieme alla famiglia.

Gip che, però, non è più titolare del fascicolo e non deciderà sulla richiesta di incidente probatorio voluta dai legali di Tadini. (Cronachedi.it - Il quotidiano online di informazione indipendente)

Se ne è parlato anche su altre testate

Azionare quei blocchi e sottoporre a stress la fune di trascinamento, è stato un atto criminale Il presidente del tribunale di Verbania ha rimosso proprio il gip ed il pubblico ministero è pronta a far rientrare in carcere gli accusati. (Sergio Vessicchio)

La sua prognosi è di 60 giorni. Ora le sue condizioni sono molto migliorate. (La Voce di Novara)

Leggi anche:. Tragedia Mottarone, Eitan non è più in pericolo di vita. Strage funivia, il caposervizio disse: «Quel cavo non si spezza». Strage funivia, il piccolo Eitan è cosciente: presto lascerà rianimazione. (Il Portico News)

Funivia del Mottarone, i penalisti napoletani in campo: “Non trionfi il giustizialismo”

Lo stesso provvedimento è stato notificato ai familiari delle quattordici vittime e alla zia del piccolo Eitan, legale rappresentante del bimbo unico sopravvissuto alla tragedia Mottarone: come proseguono le indagini. (Newsby)

Dopo molti giorni, ora la svolta per Eitan, un baralume di normalità dopo tutto il dolore subito. La famiglia di origine israeliana viveva a Pavia, dove il padre Amit, 30anni, svolgeva il tirocinio come medico presso l’università cittadina. (CheSuccede)

I penalisti napoletani si schierano dopo gli ultimi sviluppi della tragica vicenda della funivia piemontese: al gip che aveva chiesto la scarcerazione per due dei tre indagati è stato tolto il fascicolo, poi affidato a un altro che ha subito chiesto l’annullamento di quel provvedimento. (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr