Eitan è stato dimesso dall'ospedale

Eitan è stato dimesso dall'ospedale
Per saperne di più:
Ticinonews.ch INTERNO

È stato dimesso questa mattina dal reparto Isola di Margherita dell’ospedale Regina Margherita Eitan, il bambino unico sopravvissuto all’incidente della funivia del Mottarone.

Il piccolo è tornato in ambulanza a casa, a Pavia, accompagnato dalla zia.

Ora le sue condizioni sono molto migliorate.

Proseguirà il percorso terapeutico dal punto di vista psicologico ed effettuerà future visite di controllo

(Ticinonews.ch)

Su altre testate

La tragedia della funivia del Mottarone, ha suscitato indignazione in tutta l’opinione pubblica. Azionare quei blocchi e sottoporre a stress la fune di trascinamento, è stato un atto criminale (Sergio Vessicchio)

Accanto a lui la zia Aya, arrivata da Israele per stargli accanto e per seguirlo anche nel percorso di recupero. Eitan torna a Pavia. “Non sappiamo ancora con certezza ma probabilmente sarà seguito sia a Torino che a Pavia” spiegano fonti dell’ospedale in merito al percorso che seguirà Eitan. (Cronachedi.it - Il quotidiano online di informazione indipendente)

Il bambino è tornato in ambulanza a casa a Pavia accompagnato dalla zia Aya. Questa mattina, 10 giugno, il piccolo Eitan, l’unico sopravvissuto della strage del Mottarone in cui sono morte 14 persone tra cui tutti i famigliari del bambino di origini israelian, è stato dimesso dal reparto Isola di Margherita dell’ospedale Regina Margherita di Torino. (La Voce di Novara)

Funivia Mottarone. Il piccolo Eitan è stato dimesso: torna a casa con la zia

Giornalista pubblicista segue con interesse i cambiamenti della città e i suoi protagonisti I penalisti napoletani si schierano dopo gli ultimi sviluppi della tragica vicenda della funivia piemontese: al gip che aveva chiesto la scarcerazione per due dei tre indagati è stato tolto il fascicolo, poi affidato a un altro che ha subito chiesto l’annullamento di quel provvedimento. (Il Riformista)

A proposito dei dati sul tracciamento, il monitoraggio Gimbe evidenzia un’ampia disparità tra Regioni. Se da un lato non bisogna rallentare il ritmo della campagna vaccinale, dall’altro è indispensabile massimizzarne i benefici e minimizzarne i rischi» (Minformo)

E così il personale del Regina Margherita li farà recapitare nei prossimi giorni in una villetta in provincia di Pavia. In ambulanza c’era la zia Aya, che non lo ha mai lasciato dalla sera del terribile incidente. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr