Covid, Vella: "La variante inglese è pericolosa ma si può arginare"

Covid, Vella: La variante inglese è pericolosa ma si può arginare
La Nuova Sardegna INTERNO

E poi, in regioni come il Lazio è già stato fatto, proprio sui passeggeri provenienti dalla Sardegna.

«La variante inglese è più contagiosa, più aggressiva e potrebbe causare maggiori problemi.

E poi con questo virus non possiamo permetterci di agire sul velluto, servono spallate poderose per arginarlo».

Non vedo perché non sia possibile replicare questo tipo di controlli anche sui chi arriva in Sardegna»

Secondo Vella, tuttavia, ilavrebbe una sola paternità: «che hanno interessato la Sardegna e che ha funzionato molto bene. (La Nuova Sardegna)

Ne parlano anche altre fonti

Un obiettivo ambizioso tracciato nel 'Programma operativo di vaccinazione anti Covid", datato 19 febbraio e predisposto dall'assessorato regionale alla Sanità. Nel caso specifico dei piccoli paesi il reclutamento è avvenuto via lettera a mano, grazie al coinvolgimento dei volontari. (la Repubblica)

A questa appartengono 125.578 abitanti così divisi: 44.105 personale docente e non, 14.892 forze armate, 2639 penitenziari, 5.428 luoghi di comunità, 58.514 altri servizi essenziali. Le somministrazioni per questa fase termineranno ad aprile. (SardiniaPost)

Il sindaco di Bono, in contatto con il commissario di ATS, ha predisposto un sistema di tracciamento rafforzato per il Comune per mettere in sicurezza la popolazione Al momento, quindi, quindi non è ancora possibile stabilire ancora certezza l’origine del contagio. (vistanet)

Bono blindata per la variante inglese: lockdown totale durerà due settimane - Sardiniapost.it

14.931 infatti i test positivi nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute Sono invece 277 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi, 29 invece si trovano in terapia intensiva. (Calcio Casteddu)

"Sono in corso accertamenti di laboratorio e approfondimenti epidemiologici per stabilire se i casi di variante inglese di Bono siano frutto di un caso di importazione o di un contagio locale in famiglia". (YouTG.net)

Stop a ogni attività tranne tabaccai, giornalai, farmacie, parafarmacie e generi alimentari, che chiuderanno domenica 21 e 28 febbraio. Lockdown sino al 6 marzo: lo prevede l’ordinanza del sindaco di Bono, Elio Mulas, per contenere il cluster di contagi della variante inglese di Covid-19 nel centro del Sassarese. (SardiniaPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr