Corea Nord: Kim Jong Un annuncia piano di rilancio dell'economia

Corriere TV ESTERI

Secondo funzionari sudcoreani non ci sono segni che la Corea del Nord stia allentando i controlli alle frontiere imposti all'inizio della pandemia oche stia aumentando le importazioni di materiali industriali e agricoli per aumentare la produzione.

L'organizzazione no profit Assessment Capacities Project con sede a Ginevra, specializzata nella valutazione dei bisogni umanitari, ha dichiarato a maggio di considerare la Corea del Nord ad alto rischio di una crisi umanitaria

(LaPresse) Kim Jong Un pronto a varare una serie di riforme per rilanciare l'economia nord coreana paralizzata da anni di cattiva gestione, sanzioni internazionali per via del discusso programma nucleare di Pyongyang, e infine messa in ginocchio dalla pandemia. (Corriere TV)

Su altre fonti

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati Kim Jong-un, leader della Corea del Nord, ha varato una legge per neutralizzare le minacce del «pensiero reazionario» che include sanzioni drastiche: pena di morte o i campi di lavoro e di rieducazione. (ilmattino.it)

Lo strumento è una legge varata a maggio per neutralizzare le minacce del "pensiero reazionario" che include sanzioni drastiche: pena di morte o i campi di lavoro e di rieducazione. Ci sono ancora da "risolvere le questioni in sospeso, i problemi urgenti per l’economia e la vita delle persone", da tenere al riparo dalle temute influenze e ingerenze esterne (Quotidiano.net)

Giorni dopo, l'agenzia di spionaggio della Corea del Sud ha affermato che Kim aveva subito un intervento chirurgico per rimuovere una ciste dalla caviglia Nel 2014 era scomparso per quasi sei settimane prima di riapparire con un bastone da passeggio. (Today.it)

Il leader della Corea del Nord è un noto fumatore e il padre è morto per arresto cardiaco nel dicembre del 2011. Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati (Il Mattino)

Chiunque verrà sorpreso con quantità di materiale multimediale della Corea del Sud, degli Stati Uniti o del Giappone rischia una condanna fino alla pena di morte. in foto: Kim Jong–Un, numero uno della Corea del Nord. (Fanpage.it)

Con questo provvedimento Kim Jong-un vieta quindi la circolazione di ogni prodotto occidentale dai film agli abiti di origine straniera, che secondo il leader potrebbero esercitare una influenza negativa e “comportamenti sgradevoli, individualisti e antisocialisti” tra i giovani. (DR COMMODORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr