Referendum cannabis: in un giorno raccolte 100 mila firme digitali. I promotori: «Risultato straordinario»

Referendum cannabis: in un giorno raccolte 100 mila firme digitali. I promotori: «Risultato straordinario»
Open INTERNO

La raccolta firme per depenalizzare la coltivazione di cannabis e aprire alla legalizzazione è appena iniziata e in sole 24 ore ha raggiunto 100 mila firme: «Un risultato straordinario ma non sorprendente» secondo l’Associazione Luca Coscioni.

E proprio sui social la cannabis è conosciuta e apprezzata tanto quanto se ne criticano le proibizioni.

«La firma digitale ha finalmente dato un senso anche politico ai social. (Open)

Su altri media

L’adesione può avvenire solo online grazie alle firme digitali, i cui effetti si sono già visti per il quesito sull’eutanasia legale Come promotori chiediamo che questo referendum non subisca discriminazioni per quanto riguarda i termini di tempo per il deposito delle firme”. (Il Fatto Quotidiano)

In 48 ore hanno firmato il Referendum Cannabis oltre 220.000 persone. Legalizzazione Cannabis, Civati: “Non occorrono ulteriori commenti, bastano le cifre”. Quindi, in merito allo straordinario successo di pubblico rappresentato da questa prima due giorni di raccolta firme, Civati ha aggiunto che “Sono 220mila firme in 48 ore. (Italia Sera)

Il tutto mentre i principali media non ne parlano” così il deputato presidente di +Europa Riccardo Magi Legalizzazione cannabis, Magi: “Più di 220mila firme in 48 ore. (TgCal24.it)

Torna in libertà il coltivatore professionale di cannabis. Per il gip: “Scarsi indizi”

Non spacciamo egoismo per libertà". 13 settembre 2021. "Il green pass è uno strumento di libertà per tornare a fare cose che fino a poco tempo fa ci erano vietate. Green pass, Riccardo Magi: "Uno strumento utile. (Liberoquotidiano.it)

Non si è ancora conclusa la raccolta delle firme per il referendum sull’eutanasia legale, ma già è partita una raccolta per una consultazione sulla depenalizzazione della cannabis. L’obiettivo è quello di raggiungere le 500 firme richieste entro il 30 settembre, quando scadranno i termini per la presentazione di proposte di referendum presso la Cassazione. (L'HuffPost)

In particolare, il titolare ha spiegato che il quantitativo di thc, il cui limite è dello 0,2 percento con tolleranza fino allo 0,6, può variare per diversi motivi, come quello climatico. Durante l’interrogatorio di convalida che si è tenuto questa mattina, l’imprenditore ha risposto alle domande fornendo una serie di indicazioni riguardo alla sua attività. (LeccePrima)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr