Bitcoin, cosa c'è dietro l'ultimo divieto della Cina contro le crypto

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

In “casa Bitcoin” non si dormono mai sonni tranquilli.

3' di lettura. Una cosa è certa.

La quotazione della prima criptovaluta al mondo si stava da poche sedute riprendendo dal “flash crash” del 7 settembre - giorno in cui peraltro è entrata nella storia per essere diventata valuta a corso forzoso nello Stato di El Salvador - quando ieri è arrivata un'altra batosta: l'ennesima messa al bando da parte delle autorità cinesi. (Il Sole 24 ORE)

La notizia riportata su altri media

L’investitore di criptovalute Anthony Pompliano ha espresso ottimismo sul fatto che Bitcoin venga assunto come valuta di riserva globale, nel suo ultimo podcast. In questo contesto, Pompliano ha previsto due possibili scenari quando si tratta di Bitcoin e valute legali. (Criptovalute24)

Per questo motivo, la repressione cinese ha colpito anche l’industria mineraria Criptovalute e il problema de mining. La tecnologia alla base di molte criptovalute, incluso Bitcoin, si basa sulla blockchain. (InvestireOggi.it)

Ma da cosa è dipesa questa discesa che ha spinto la criptovaluta più famosa del mondo fin verso quota 40 mila dollari? Pertanto è quasi impossibile prevedere quale potrà essere l’andamento delle quotazioni del Bitcoin nei prossimi giorni. (Sardegna Live)

L’algoritmo che sta alla base della scalata rende la moneta deflazionalistica Cardano (ADA ) è considerata la terza valuta capitalizzata dell’anno dall’alto del suo 2000% di guadagno sull’investimento. (Tech Meteoweek.com)

Negli anni successivi, il paese ha anche vietato bitcoin e occasionalmente abbiamo visto rapporti falsi che hanno anche causato enormi oscillazioni dei prezzi, come è successo nel 2014. a partire dal Bitcoin (BTC) Il prezzo è sceso e il panico è ancora positivo per molti trader e investitori! (CiSiamo.info)

Ormai Hong Kong, infatti, ha perso la sua autonomia dalla Cina e tutto ciò che viene dichiarato illegale nel paese asiatico, lo diventa presto anche nella provincia con amministrazione speciale. Appunto per proteggere il renminbi cinese, la Banca centrale Cinese studia una sua moneta digitale dal 2014. (FX Empire Italy)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr