Covid, così l'esplosione di Omicron sta rallentando

Covid, così l'esplosione di Omicron sta rallentando
IL GIORNO SALUTE

Non nei dati inviati al Ministero, "non avendo ancora ricevuto nuove indicazioni", ma intanto per "una rappresentazione più realistica della pressione causata dal Covid sugli ospedali"

Ad esempio la riapertura delle scuole, "anche se l’impressione è che non possa incidere su livelli di contagio così alto".

Il giorno prima, martedì, il bollettino regionale ha toccato il record di 265.222 test in un giorno, il 17,1% positivi, aggiungendo al conto 45.555 contagiati. (IL GIORNO)

Ne parlano anche altre testate

Tra quanto tempo i contagi torneranno a scendere? "Omicron è esplosa a partire dall'ultima decade di dicembre e da allora la curva si è impennata molto rapidamente, giorno dopo giorno - sottolinea Abrignani al Corriere della Sera - Gli esperti di modelli di crescita di un'epidemia ci dicono che salirà fino a raggiungere il picco alla fine di gennaio". (Today.it)

Un nuovo studio, ha fatto sapere Forbes, condotto da ricercatori giapponesi, ha dimostrato che il picco di carica virale nelle persone infette da Omicron si verifica tra i tre e i sei giorni dopo l'insorgenza dei sintomi. (ilmessaggero.it)

E il Gaslini, per liberare letti, trasferisce i pazienti non gravi in una residenza sanitaria esterna (La Repubblica)

Icardi: "Omicron al 90%, picco per altri 15 giorni"

Per due terzi sono no vax Omicron accelera. (Mediaset Play)

Il bollettino registra un ulteriore aumento della pressione ospedaliera. Chi ha più di 50 anni rischia di più in base ai dati. (Sky Tg24 )

ra due o tre settimane inizieranno a scendere i contagi. Nonostante questo chi è vaccinato ha una prognosi migliore, ha un'infezione non una malattia: il quadro clinico è spesso completamente asintomatico, passa del tutto inosservato. (Primocanale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr