Taglio della Serie A da 20 a 18 squadre: una mossa che non fa gol. Solo 5-6 club favorevoli

Taglio della Serie A da 20 a 18 squadre: una mossa che non fa gol. Solo 5-6 club favorevoli
TUTTO mercato WEB SPORT

Ha altresì manifestato la disponibilità ad aprire un tavolo permanente con tutte le componenti affinché ciascuna di esse esponga passo dopo passo le proprie criticità.

Solo 5-6 club favorevoli. vedi letture. La Serie A è fredda davanti alla riforma della serie A, invocata dal presidente federale Gabriele Gravina (riduzione del numero delle squadre da 20 a 18 a partire dal 2023).

Ovvio che due terzi della Serie A guardi invece con apprensione alla svolta, chiedendosi quante squadre diventerebbero beneficiarie del paracadute. (TUTTO mercato WEB)

La notizia riportata su altri giornali

Leggi anche:. Solo 5-6 club favorevoli alla rivoluzione di Gravina. L’idea del presidente federale Gabriele Gravina ha dunque avuto solo una parziale risposta positiva. Pare infatti che tali club concordi siano quelli impegnati regolarmente nelle coppe europee (MilanLive.it)

In questo caso si passerebbe dalle attuali 380 gare a 308: un meno 19% che migliorerebbe soltanto leggermente con i play-off, e che rischia di acuire le perdite economiche provocate dalla pandemia. L'idea di scendere da 20 a 18 squadre in Serie A non sembra essere vista di buon occhio dalla maggioranza dei club, secondo l'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport. (Milan News)

La formula alternativa più gettonata è quella che vede impegnate 18 squadre con due gare di playout per decidere la terza retrocessa. (Fcinternews.it)

La pagella: Serie A a 18 squadre, i presidenti ottusi si oppongono. Voto 4

Per questo i presidenti di Serie A, durante l’Assemblea di Lega di mercoledì in cui si discuteva del nuovo format per il campionato, hanno chiesto tempo. In questo caso si passerebbe dalle attuali 380 gare a 308, 72 gare in meno pari al 19% del totale (CalcioNapoli24)

Il presidente della Federazione ha invitato i partecipanti a pensare in maniera collaborativa e per il bene di tutto il sistema. La società di consulenza Deloitte ha poi illustrato un’analisi relativa all’impatto economico del possibile taglio che porterebbe però a meno ricavi dai diritti tv (Samp News 24)

Per cui, a parte i pochissimi presidenti che sono sicuri di non correre quel pericolo, tutti gli altri si oppongono., è un modo di vedere che guarda all'interesse particolare e non a quello generale del calcio italiano (Calciomercato.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr