Brusaferro: «L'età media dei contagiati è di 28 anni. Ad agosto centinaia di persone a rischio ricovero» - ilNapolista

IlNapolista SALUTE

Sulla variante Delta:. “Il quadro generale della trasmissione dell’infezione torna a peggiorare con molte regioni a rischio moderato.

Il focus, la maggiore attenzione oggi va posta nel vaccinare con ciclo completo le fasce più grandi e poi i giovani

L’età media dei contagiati è di 28 anni.

Soltanto il 74% delle persone tra i 70 e i 79 anni sono vaccinati, parliamo di oltre 2,5 milioni di non vaccinati sopra i 60 anni: è estremamente importante che queste persone si proteggano. (IlNapolista)

Ne parlano anche altre testate

Diminuiscono i ricoverati (-1), ma aumentano di 8 unità le terapie intensive. I casi in Italia dall’inizio dell’epidemia sono 4.281.214, i morti 127.851. (Salernonotizie.it)

La Cabina di regia di Istituto superiore di sanità e ministero alla Salute ieri ha sancito la ripresa dell'epidemia, spinta in avanti dalla variante Delta, dopo mesi di calo. L'età mediana per ricovero è 50 anni e quella dei decessi è introno a 70 anni ma casi sono limitati". (Notizie - MSN Italia)

Come anticipato all’inizio, anche il fronte dei decessi si registra popolato da soggetti non vaccinati. Si prosegue poi con i soggetti parzialmente immunizzati che sono 240 e con i totalmente vaccinati, ancora 240. (Open)

La variante Delta è destinata a crescere e in altri paesi sta portando grande aumento di nuovi casi: è quindi importante tracciare i contatti, prevedere le quarantene ed è opportuno raggiungere quanto prima la copertura vaccinale con la doppia dose. (Tuttosport)

I sintomi. A livello di sintomi la variante Delta pare essere più impattante sull'organismo Con la variante Delta, oggi, "anche se si è vaccinati si può essere infetti". (Adnkronos)

Per bloccare questa crescita di ricoveri in terapia intensiva il punto essenziale è di traguardare il prima possibile la vaccinazione con doppia dose”. Abbiamo ancora una quota importante di italiani sopra i 60 anni che non hanno neanche la prima dose. (TG-PRIMARADIO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr