Le sorelle morte sotto il treno, Castenaso in lutto per i funerali di Giulia e Alessia

Le sorelle morte sotto il treno, Castenaso in lutto per i funerali di Giulia e Alessia
Approfondimenti:
Tiscali Notizie INTERNO

Noi vediamo un papà che ha costruito con talento il suo lavoro ed è vissuto per le sue figlie.

Vediamo due figlie Alessia e Giulia volute cresciute amate e curate.

"Ad Alessia e Giulia nella loro giovinezza sono state consegnate fiducia, stima, libertà e autonomia

Noi nella famiglia di Alessia e Giulia da domenica vediamo un dolore infinito, il rischio è la caduta nel baratro nel cinismo.

Vediamo una madre impietrita dal dolore e vediamo una sorella Stefania che ha fatto da madre e ad amica, sono le sue parole, ad Alessia e Giulia. (Tiscali Notizie)

Su altre testate

È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683. I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. (La Nuova Sardegna)

Il pellegrinaggio verso le discoteche, come per Giulia e Alessia, comincia però molto prima, dalle stazioni del treno o dalle fermate del Metromare. È il grande esodo dei giovani e giovanissimi verso quella terra promessa del divertimento che è la Riviera. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Sussurra in continuazione quella maledetta domanda che non troverà mai risposta: "Perché amiche mie è successo?". Passeggia frettolosamente avanti e indietro, senza una meta, tra i banchi stracolmi di gente della chiesa della Madonna del Buon Consiglio di Castenaso (il Resto del Carlino)

Morte di Alessia e Giulia, si spenga il tribunale social

Un'amica ha scritto: «Buon viaggio angeli», un'altra: «Sarete sempre i miei raggi di sole». Alessia e Giulia Pisanu, i funerali delle sorelle investite dal treno. RICCIONE Giulia e Alessia Pisanu, la telefonata al papà pochi minuti. (ilgazzettino.it)

Il padre, insieme ai parenti, all'arrivo si è fermato in lacrime davanti alle bare bianche delle figlie, sui lati sono incisi i loro nomi. (Alto Adige)

Si dice spesso che davanti a una tragedia, a un lutto assoluto come quello della perdita di un figlio o di una figlia, ogni parola sia vana, ogni aggettivo inutile, ogni verbo uno sbaglio e la scelta migliore sia il silenzio. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr