Sì alle feste private in sette regioni d’Italia: le regole da rispettare per compleanni, comunioni e altre ricorrenze

Sì alle feste private in sette regioni d’Italia: le regole da rispettare per compleanni, comunioni e altre ricorrenze
Il Messaggero Veneto INTERNO

Tra le numerose attività inserite nella lista delle riaperture ci sono le “feste private anche conseguenti alle cerimonie civili e/o religiose all’aperto e al chiuso”.

Quindi è consentito organizzare feste di matrimoni, cresime, comunioni, ma anche compleanni, anniversari o incontri tra amici e parenti, sempre rispettando le stesse regole dei banchetti

Così come accaduto per i banchetti dopo le cerimonie civili e religiose, arriva il via libera anche per festeggiare compleanni e altre ricorrenze. (Il Messaggero Veneto)

La notizia riportata su altri giornali

Lunedì, dopo Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, sono entrate in zona bianca Abruzzo, Umbria, Liguria e Veneto. Il risultato è che le feste private si possono organizzare in zona bianca. (ilmessaggero.it)

Ciò vuol dire che è possibile organizzare feste di matrimoni, cresime, comunioni, ma anche compleanni, anniversari o semplici incontri tra amici e parenti rispettando le regole dei banchetti Dopo i moment di convivialità che seguono le cerimonie civili e religiose, il governo ha dato il via libera all’organizzazione di feste private in zona bianca senza limiti di persone: seguiranno le regole previste per i banchetti. (Notizie.it )

Via libera a banchetti e ricevimenti, anche se sarà necessario il 'Green pass' per ospiti e partecipanti e bisognerà rispettare le linee guida pubblicate dalla Conferenza delle Regioni. Con l'Umbria in zona bianca sono di nuovo consentiti ricevimenti e banchetti nuziali come è di nuovo possibile organizzare feste private (in zona gialla invece ripartiranno dal 15 giugno) anche se sarà necessario il 'Green pass' per i partecipanti e gli ospiti, che dovranno dunque esibire il certificato di avvenuta vaccinazione con entrambe le dosi, o di guarigione dal Covid-19 o ancora di un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti. (PerugiaToday)

In zona bianca via libera alle feste private. Sono consentite con le regole dei banchetti

Siamo assolutamente favorevoli all'entrata con green pass e al tracciamento, quindi entrerebbero nei locali solo persone con anticorpi o comunque risultate negative. Stessa richiesta è arrivata dai gestori delle discoteche di "Asso Intrattenimento” di Confindustria, che potrebbero incontrare Costa nei giorni successivi. (L'Unione Sarda.it)

Il provvedimento infatti recepisce le indicazioni sulle zone bianche della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 26 maggio scorso. La conferma è contenuta nell’ordinanza firmata il 4 giugno dal ministro della Salute Roberto Speranza che ha decretato il passaggio alla zona bianca di Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto. (Virgilio Notizie)

Il 26 maggio la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha emanato le indicazioni comuni per la riapertura delle attività economiche e sociali nelle zone bianche e il 28 maggio ha inviato il documento «al Ministro della Salute Roberto Speranza, al Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Mariastella Gelmini e al Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Roberto Garofoli. (L'Occhio)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr