Ambulanti in corteo al Consiglio Regionale chiedono di riaprire i mercati - TGR Toscana

Ambulanti in corteo al Consiglio Regionale chiedono di riaprire i mercati - TGR Toscana
TGR – Rai INTERNO

Il problema non siamo noi: lavoriamo all'aperto, possiamo rispettare il distanziamento e le norme anti-contagio"

La protesta era iniziata la mattina a Pistoia, dove avevano allestito i banchi ma senza merce esposta.

Ambulanti in corteo al Consiglio Regionale chiedono di riaprire i mercati. All'iniziativa erano presenti anche rappresentanti degli autotrasportatori e di altre attività commerciali pesantemente colpiti dalle chiusure dettate dalla pandemia, per invocare ristori e chiedere la ripartenza. (TGR – Rai)

Su altre fonti

Fiva Confcommercio Lecco ha deciso di organizzare per sabato 10 aprile una manifestazione "passiva" nell'area del mercato di Lecco. «Perchè supermercati e negozi sì, mentre noi no? (LeccoToday)

Alle Istituzioni hanno chiesto di sbloccare il settore. garantiscono (Azzurra TV)

Ci scusiamo ancora una volta con la città per i disagi creati, ma l’unica responsabilità è di una politica sorda incapace di ascoltare i bisogni reali del Paese”“ Qui centinaia di ambulanti si sono ritrovati con i loro furgoni all’Osmannoro e da qui sono partiti formando un lungo serpentone in direzione del centro - con passaggio anche dal Piazzale Michelangelo - per chiedere le riaperture dei mercati. (FirenzeToday)

«Penalizzati e discriminati»: sabato la protesta degli ambulanti a Lecco

La scelta è stata comunicata, questa mattina, durante una nuova protesta in via Bonazzi al Rione Libertà. Non si tratta di una apertura dopo le strette legate al covid, ma della volontà dei commercianti del comparto che protesteranno, tornando regolarmente dietro i loro banchi, per sottolineare la loro necessità di lavorare. (NTR24)

E incontreremo il Prefetto di Milano per spiegare le nostre ragioni. Una fabbrica al chiuso può far lavorare i suoi dipendenti, anche migliaia, e invece un mercato all’aperto, con i corretti criteri di sicurezza e meccanismi di distanziamento per la clientela, non può lavorare?” (varesenews.it)

"Ci scusiamo per i disagi al traffico". "Chiediamo semplicemente di farci tornare subito a lavorare - ribadisce Pestelli - I mercati all'aperto sono luoghi sicuri Sono 1300 i furgoni che si sono ritrovati all'Osmannoro e poi hanno puntato su Firenze, per la manifestazione delle 16.30. (La Nazione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr