«Rapinato da due ragazzi», ma la storia è diversa: denunciato per violenza sessuale

«Rapinato da due ragazzi», ma la storia è diversa: denunciato per violenza sessuale
Per saperne di più:
AnconaToday INTERNO

Dopo il rifiuto di lei nel concedersi, il 45enne avrebbe iniziato a palpeggiarla nelle parti intime.

E’ la ricostruzione dei carabinieri del Norm di Ancona, che hanno denunciato il senza fissa dimora con le accuse di violenza sessuale, calunnia e spaccio di stupefacenti.

Il 45enne, secondo quanto emerso, aveva denunciato ieri pomeriggio di essere stato vittima di una rapina in via del Canale, indicando come aguzzini due nigeriani

L'uomo è stato denunciato per spaccio, calunnia e violenza sessuale. (AnconaToday)

Ne parlano anche altri media

A seguito della denuncia della 21enne, residente a Siena, è stato attivato il protocollo ‘Codice Rosso’ per vittime di violenze e abusi. Tre di loro, tutti maggiorenni, sono stati arrestati e messi ai domiciliari. (Il Fatto Quotidiano)

Durante gli interrogatori di garanzia odierni i legali dei due indagati andati davanti al gip hanno chiesto al giudice la revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari. (Siena News)

Era ricercato dal febbraio dello scorso anno da quando il 60enne siciliano, condannato a 5 anni di reclusione per violenza sessuale, si era dato alla macchia. L’uomo, senza fissa dimora, è stato localizzato a Verona dagli uomini della sezione Catturandi della Squadra Mobile grazie a una complessa attività di analisi dei tabulati telefonici e di monitoraggio dei suoi familiari. (L'Arena)

Cagliari, accusato di violenza sessuale su una bimba assolto dopo 4 anni: "È finito un incubo"

Tra gli arrestati, secondo quanto sarebbe emerso, c’è un calciatore che nella scorsa stagione ha giocato in Serie A, che dovrebbe essere sentito lunedì. Le misure cautelari sono state emesse dopo gli accertamenti coordinati dalla Procura. (Labaro Viola)

Siena - Tre maggiorenni sono stati arrestati oggi per violenza sessuale di gruppo, denunciata la settimana scorsa da una 20enne e avvenuta nella notte tra il 30 e il 31 maggio durante una festa privata in un appartamento della città. (RagusaNews)

Ma lui, quel giorno del 2017, non era in via Roma a Cagliari ma davanti al suo pc di casa, a Capoterra, come è stato stabilito da una consulenza tecnica di un perito informatico A ottobre 2019 il rinvio a giudizio da parte del gup Lucia Perra dopo le indagini condotte dalla pm Nicoletta Mari. (Casteddu Online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr