G20 di Napoli, raggiunta intesa su clima ed energia

Sky Tg24 INTERNO

I temi sul tavolo - per la prima volta insieme in un G20 - erano clima ed energia.

100 giorni alla Cop26. "Volevamo essere piu' ambiziosi sulla decarbonizzazione", ammette il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani, "ma oltre non si poteva andare".

Dopo una fase di stallo sulla decarbonizzazione la situazione si è sbloccata.

Si è concluso così il G20 di Napoli su ambiente, clima ed energia che per due giorni ha visto impegnati ministri e delegati nelle sale di Palazzo Reale (Sky Tg24 )

Ne parlano anche altri giornali

I Paesi del G20 concordano nell’aumentare gli aiuti ai Paesi in via di sviluppo affinché nessuno resti indietro Non è bastata una negoziazione complessa durata 2 notti e 2 giorni nella quale, va detto, la presidenza italiana si è spesa molto. (Il Fatto Quotidiano)

Alle 19 è atteso alla firma, con gli altri rappresentanti ministeriali dei 20 Paesi più importanti della terra, del primo accordo che collega il clima alla produzione delle fonti energetiche necessarie all’industria e alla. (ilmattino.it)

Le trattative proseguono per cercare di convincere i Paesi "meno ambiziosi" che continuerebbero a rifiutare impegni vincolanti sull'accelerazione della decarbonizzazione. Lo ha annunciato il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, al termine di "un negoziato molto lungo e intenso". (La Repubblica)

Al G20 sull’Ambiente di Napoli le autorità politiche raggiungono l’accordo finale sul documento sul clima, l’energia e il contrasto al cambiamento climatico. Una firma importante ma mozzata su due punti cruciali: l’eliminazione del carbone come fonte di energia entro il 2025 e la soglia di 1,5 gradi di riscaldamento entro i prossimi dieci anni. (Open)

Cingolani questa mattina ha inaugurato la seconda e ultima giornata del G20 clima ed Energia dei ministri dell’Ambiente accogliendo le delegazioni in arrivo I due punti su cui non si è raggiunto l'accordo sono sulla decisione di rimanere sotto 1,5 gradi di riscaldamento globale al 2030 e di eliminare il carbone dalla produzione energetica al 2025. (La Repubblica)

Ansa. "Il Comunicato è stato adottato da tutti e i due punti su cui solo India e Cina non concordano nella formulazione sono stati spostati al livello Capi di Stato", ha precisato Cingolani. Anche Russia e Cina, come si legge in un comunicato di sintesi del documento finale, si sono impegnati a eliminare gradualmente la produzione di energia dal carbone sena sosta. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr