Il crollo di Evergrande travolge l’Inter. Il debito è troppo grande

iLoveTrading ECONOMIA

Evergrande è stata schiacciata dal peso di 305 miliardi di dollari di debito ed ora nessuno sa più che pesci prendere.

Intanto in Cina il presidente di Evergrande intascava montagne di soldi mentre il suo colosso affondava.

L’onda sismica prodotta dal crollo di Evergrande si avverte anche in Europa ed in Italia.

Le autorità hanno fatto capire che l’impatto del crollo sarà fortissimo ma la banca centrale lavora per evitare il temuto credit crunch. (iLoveTrading)

Se ne è parlato anche su altri media

Un nuovo 1929 non è da escludere e il tonfo potrebbe essere perfino peggiore, portando appunto il Dragone a far rientrare capitali anche tramite conquiste militari come l’isola di Taiwan Il primo è un colosso cinese del settore immobiliare con oltre 250 miliardi di euro di debiti. (Il Sussidiario.net)

I mercati finanziari sono stati questa settimana un po’ in agitazione per Evergrande, società immobiliare cinese, esplosa sulla cresta del boom del Dragone. Chi rischia e come si risolverà il caso Evergrande. (Startmag Web magazine)

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro) Bandiere cinesi vicino al logo del China Evergrande Group all'Evergrande Center di Shanghai, Cina, 24 settembre 2021. (Investing.com)

Anche se la dismissione ha messo al riparo la banca svizzera dalle ripercussioni di un eventuale default dello sviluppatore immobiliare cinese, l’aver puntato su una società così rischiosa potrebbe gettare nuove ombre su Credit Suisse – che già si era scottata con Greensill e Archegos. (Wall Street Italia)

Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. tuttavia, sono sempre rimaste sotto controllo statale). (L'AntiDiplomatico)

CC Land Holdings, basata a Chongqing, ha riferito che avrebbe riscattato un bond da 250 milioni in scadenza il 21 ottobre, rivelando di aver venduto 300 milioni di bond a 4 anni. Gli appartamenti costruiti e invenduti potrebbero ospitare almeno 90 milioni di persone, ma una disfatta immobiliare disattiverebbe un motore primario della crescita cinese per almeno due decenni. (Gazzetta del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr