Muore di freddo sotto il cavalcavia all'Eur: è un 52enne rumeno

Muore di freddo sotto il cavalcavia all'Eur: è un 52enne rumeno
TerzoBinario.it INTERNO

La salma è stata traslata presso Istituto medicina legale del Policlinico di Tor Vergata di Roma

Sul posto sono intervenuti per i rilievi i Carabinieri della VII sezione del Nucleo Investigativo di via In Selci.

Il medico legale e personale sanitario 118 intervenuto sul posto non riscontravano segni di lesività riconducendo il decesso a sospetta ipotermia.

Su segnalazione giunta al numero di emergenza 112, i Carabinieri della Stazione Roma EUR sono intervenuti in viale del Tintoretto incrocio con via Laurentina dove, sotto il cavalcavia pedonale, è stato rinvenuto il cadavere di un cittadino romeno di 52 anni, senza fissa dimora. (TerzoBinario.it)

Ne parlano anche altri media

In zona, nella vicina piazza Marmolada, altre persone spesso passano la notte dormendo in terra. Secondo i primi riscontri, l’uomo era solito dormire su una panchina, quella dove oggi qualcuno ha lasciato dei fiori. (TorinoToday)

Sul posto sono intervenuti per i rilievi i Carabinieri della VII sezione del Nucleo Investigativo di via In Selci. Senza fissa dimora ucciso a Roma dal freddo. (Adnkronos)

Da dieci giorni non si muoveva quasi dalla panchina di corso Rosselli, davanti alla tabaccheria al civico 125. Sulla panchina dove dormiva, quando non era ai giardini davanti alle poste, qualcuno ha posato qualche vasetto di primule e una rosa per ricordarlo (La Repubblica)

Morire di freddo a Torino e Roma, la tragedia di chi non ha una casa

Sul posto sono intervenuti per i rilievi i carabinieri della VII sezione del nucleo investigativo di via In Selci. Il cadavere di un uomo, un senzatetto 52enne di origini romene, è stato ritrovato dai carabinieri della stazione Roma Eur in viale Tintoretto, sotto un cavalcavia all’incrocio con via Laurentina. (Il Fatto Quotidiano)

Prima si spostava, mentre negli ultimi tempi restava sempre e solo su quella panchina dove è stato trovato il suo cadavere. «Qui nel quartiere lo abbiamo sempre chiamato Paul, ma nessuno ha mai conosciuto la sua vera identità – precisa il tabaccaio -. (Cronaca Qui)

Si trattava di un senza dimora di origine romena, 52 anni: non aveva documenti con sé. Persone senza una casa nel sottopasso Mortirolo della Stazione centrale a Milano - Fotogramma, immagine d'archivio. (Avvenire)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr