Giorgia Meloni torna a Torino al fianco di Damilano

Giorgia Meloni torna a Torino al fianco di Damilano
Nuova Società INTERNO

Dopo le polemiche che hanno investito Fratelli d’Italia, accusato di avere tra le sue file esponenti dell’estrema destra, e il tentativo goffo del candidato di centrodestra Paolo Damilano di smarcarsi dall’alleato, Giorgia Meloni torna a Torino.

Dunque i due sono più vicini che mai e Meloni tenterà il tutto e per tutto per aiutare Damilano a superare il rivale Lo Russo al ballottaggio.

La leader di FdI sarà proprio al fianco di Damilano giovedì 14 in occasione di una conferenza stampa che si terrà in Corso Regina Margherita 116, dove c’è lo stabile in cui nei giorni scorsi pe evitare l’arresto di un pusher sono stati aggrediti degli agenti. (Nuova Società)

Se ne è parlato anche su altri media

Non è importante che il sindaco cammini ogni giorno, ma che ci siano più clienti” ha concluso il candidato sindaco di centrodestra, evidenziando come la priorità sia quella di far ripartire Torino e il Paese E’ questo il pensiero di Paolo Damilano, candidato sindaco del centrodestra, intervenuto questa mattina a Radio24. (TorinOggi.it)

Per quanto riguarda le mie aziende, sono disposto anche a pagarli. «Se continuiamo a dire che il tema vero per far ripartire il Paese è chi paga i tamponi continuiamo a non vedere in faccia la realtà. (Corriere della Sera)

Nella giornata di domani, giovedì 14 ottobre, il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ed il Candidato sindaco Paolo Damilano saranno presenti a Torino per una conferenza stampa davanti all’immobile di Corso Regina Margherita teatro di un’aggressione ai danni delle Forze dell’Ordine (Il Torinese)

Venerdi 15 Ottobre Salvini a Torino per Damilano

Al ballottaggio infatti il centrodestra è arrivato solo nel 2001, quando perse di un’incollatura contro Sergio Chiamparino. La poltrona di primo cittadino è quindi alla portata di Damilano, che il 4 ottobre ha raccolto solo il 5% dei voti in meno dello sfidante Lo Russo. (Il Sussidiario.net)

Ma, sul finale, il civico a trazione leghista sbotta: «Avreste dovuto difendere il mio diritto a non recarmi al Pride». Tema che a me inquieta, perché il sindaco è responsabile della salute dei suoi cittadini, che significa anche libera scelta (Corriere della Sera)

Venerdì 15 ottobre alle ore 16 il Segretario Federale della Lega, sen. Matteo Salvini, accompagnato dall’on. (La Gazzetta Torinese)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr