Bellugi, una vita tra Inter, Bologna, Napoli e Nazionale

Bellugi, una vita tra Inter, Bologna, Napoli e Nazionale
La Gazzetta dello Sport SPORT

Lo stopper, appena mancato a 71 anni, aveva firmato con i nerazzurri nel ‘69, ricevendo in regalo una villa a Stintino.

Ha partecipato a due Mondiali. Nato 71 anni fa a Buonconvento, Mauro Bellugi era un ex difensore che in 12 anni di carriera ha indossato le maglie di Inter, Bologna, Napoli e Pistoiese.

Nel 1979 passa al Napoli e, nel 1980-81, viene ceduto alla Pistoiese, prima di abbandonare a soli 31 anni

La villa a Stintino — Arriva all’Inter a 20anni, nel 1969, alla firma del contratto riceve in regalo una villa a Stintino dall’allora presidente Angelo Moratti (La Gazzetta dello Sport)

Su altri media

Barbara D'Urso conclude il ricordo così: «Sei un esempio Mauro. Uomo, padre, marito ed amico meraviglioso. «Metto questa foto perché qui sorridi - scrive Barbara - nonostante tutto quello che ti stava succedendo sorridi e canti con me, come sempre, la canzone di Modugno. (Leggo.it)

Lo scrive su Facebook Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia Ai compromessi con la sinistra e con chi ha messo in ginocchio l’Italia, noi preferiamo continuare a difendere le nostre idee e a poter guardare negli occhi gli italiani”. (LaPresse)

Ricoverato a inizio novembre per problemi legati all’anemia mediterranea, era anche risultato positivo al coronavirus. Non aveva però perso la speranza di tornare a camminare grazie a delle protesi: «Prenderò quelle di Pistorius», aveva detto ironizzando (Corriere del Ticino)

"Il Covid si è preso le mie gambe", Mauro Bellugi è morto a 71 anni

Inter, domani lutto al braccio in memoria di Bellugi. Prima del fischio d'inizio della stracittadina contro il Milan, inoltre, sarà osservato un minuto di silenzio, così come in tutti i campi del massimo campionato (TUTTO mercato WEB)

Bellugi ha raccontato: "Il covid ha aggravato una mia malattia del sangue preesistente. Perché se vuole vivere dobbiamo tagliare' - io ho detto subito che volevo vivere, di morire non avevo voglia - aveva raccontato Sportmediaset - Io scherzo su tutto. (Rai News)

L'ex difensore dell'Inter che qualche settimana fa aveva subito l'amputazione di entrambi gli arti, per via di alcune complicanze dovute al contagio da coronavirus, si è dovuto arrendere. Questo Covid insieme a un'anemia, si è scatenato per bene e mi ha mandato le gambe in cancrena. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr