Assalto alla Cgil, i leader di Forza Nuova in carcere per concorso nel delitto di devastazione: «Fiore poteva fermare l’attacco» – Le carte

Open INTERNO

Tra i protagonisti di questo episodio, come riportato dall’ordinanza, ci sarebbe anche Giuliano Castellino

Quest’ultimo sarebbe rimasto ad osservare, a distanza di pochi metri, la carica e l’intrusione dei manifestanti all’interno della sede nazionale della CGIL.

I manifestanti, armati di bastoni e cartelli stradali, sarebbero tornati alla carica con in testa Giuliano Castellino.

All’interno dell’ordinanza viene citato anche il video diffuso da Quarta Repubblica con l’intervento di Giuliano Castellino. (Open)

Se ne è parlato anche su altri media

Il ministro della Salute: "Il messaggio è essere presenti". (LaPresse) – “Il messaggio è essere presenti, questa è una bellissima piazza, un messaggio forte di risposta a quanto accaduto”. (LaPresse)

Roberto Fiore, con una condanna definitiva per banda armata e leader di Forza Nuova, è un uomo di mondo. Fin dal periodo trascorso a Londra per fuggire all’arresto, ha coltivato con costanza una rete di rapporti internazionali con comunità cattoliche integraliste, dai lefebreviani al movimento Pro vita, che dialogano con i movimenti neofascisti. (Domani)

Il gip Annalisa Marzano ha infatti emesso una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per il rappresentante di "IoApro" e per Giuliano Castellino, Roberto Fiore, Luigi Aronica, ex Nar, Pamela Testa e Salvatore Lubrano. (ModenaToday)

“Le organizzazioni fasciste vanno messe fuori leggere” ha detto il presidente dell’associazione di partigiani. “Nel disagio i fascisti trovano l’acqua in cui nuotare, quella di sabato scorso è una grande ferita, ora dobbiamo cancellare la cicatrice” ha aggiunto Pagliarulo (LaPresse)

Lunedì un’analoga manifestazione, promossa dall’Anpi e da altre associazioni di zona, si è svolta anche davanti alla sede territoriale della Cgil di Gardone Val Trompia. Saranno oltre 600 i bresciani che andranno a Roma con Cgil, Cisl e Uil per partecipare alla manifestazione di piazza promossa dai sindacati dopo l’assalto di Forza Nuova alla sede nazionale della Cgil. (Corriere della Sera)

All’inizio della manifestazione i venti carabinieri dei reparti mobili non erano presenti in piazza del popolo, ma altrove. All’inizio della manifestazione c’erano solo c’erano solo venti militari dei reparti mobili dell’arma dei carabinieri. (Domani)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr