Mediobanca prende in prestito titoli Generali. Avrà 17,22% in assemblea

Borsa Italiana ECONOMIA

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

(Borsa Italiana)

Su altre testate

Parliamo di Generali e Mediobanca, che al momento della scrittura stanno mettendo a segno un rispettivo +0,77% e +0,55%, passando di mano a 18,265 euro e 10,13 euro. Quest’ultimo evento è particolarmente importante, in quanto si rinnoverà il Consiglio di Amministrazione di Generali (qui tutti i dettagli). (Investire.biz)

Il titolo, dopo il rimbalzo di ieri, è tornato a perdere circa il 13%. Grazie a questa operazione Mediobanca potrà presentarsi alla prossima assemblea per il rinnovo del cda con una quota superiore al 12,6% del tandem Caltagirone-Delvecchio. (Yahoo Finanza)

Tale ipotesi è stata infatti esplicitamente esclusa dal patto e i tre azionisti si sono persino riconosciuti la manleva. L'esclation della battaglia per il vertice delle Generali ha messo le ali al titolo che ha chiuso la seduta su livelli di due anni fa, a 18,33 euro (in rialzo dell'1,1%). (ilGiornale.it)

Mediobanca-Generali: cosa fare con azioni in vista rinnovo CdA?

OPA GENERALI SU CATTOLICA/ L'operazione che dà stabilità al gioiellino veronese. Dietro la “discesa in campo” di Mediobanca sulle “sue” Generali sembrano percepibili molte incertezze vecchie e nuove di una storia ormai cinquantennale Non è la prima volta che Mediobanca gioca con azioni che “si contano” sul mercato” e non “si pesano” in patti di sindacato, arma di potere prediletta dal fondatore Enrico Cuccia. (Il Sussidiario.net)

Altro dettaglio: il prestito titoli è avvenuto su base chiusa; significa che il titolare non potrà chiedere indietro le azioni concesse in prestito fino alla fine del contratto. Generali ingolosisce gli azionisti, preziosa per Mediobanca (InvestireOggi.it)

Caltagirone detiene infatti il 3% della banca d'affari milanese, mentre il founder di Luxottica ha un partecipazione del 18,9%, con un secondo fronte che a questo punto potrebbe aprirsi nella capitale milanese (Investing.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr