Prestigiacomo ringrazia Miccichè: "Io candidata presidente un onore, ma serve unità"

Prestigiacomo ringrazia Miccichè: Io candidata presidente un onore, ma serve unità
PalermoToday INTERNO

Da siciliana, profondamente legata alla mia terra, non posso che ritenere la proposta di candidatura alla Presidenza della Regione un onore altissimo e una altrettanto altissima responsabilità".

"Ringrazio Gianfranco Miccichè per le espressioni di stima nei miei confronti.

La deputata di Forza Italia, Stefania Prestigiacomo, incassa l'endorsement del presidente dell'Ars arrivato oggi alla cerimonia del ventaglio. (PalermoToday)

La notizia riportata su altre testate

Ma da Palazzo d’Orleans filtra che non può essere quella l’ora X in cui Musumeci comunicherà ufficialmente le dimissioni. Dunque nella lettera Musumeci chiederà a Micciché di fissare la seduta per le sue dimissioni nel primo pomeriggio (Giornale di Sicilia)

Sono dal 1994 una militante di Forza Italia, un partito che mi ha dato tanto e al quale ho dedicato tutto il mio lavoro politico. Lo dice la deputata siciliana di Forza Italia, Stafania Prestigiacomo. (La Sicilia)

Segno evidente della disaffezione crescente nella politica e nei politicanti, che godono di livelli di fiducia sempre più risicati. Finalmente, dopo tanti tira e molla, conferme, smentite, ripensamenti e avvertimenti, Nello Musumeci si dimette da presidente della Regione. (CorrierediRagusa.it)

Musumeci adesso medita l'azzardo in Sicilia: dimettersi per poi tentare il bis in Regione

Gianfranco Miccichè fa il nome della parlamentare di Forza Italia Stefania Prestigiacomo, da opporre alla ricandidatura di Nello Musumeci, sostenuta, invece, da Fratelli d’Italia. Militante in Forza Italia dal 1994, siracusana, deputata alla Camera, potrebbe essere Stefania Prestigiacomo la candidata alla presidenza della Regione Siciliana per il centrodestra. (Normanno.com)

Lo ha detto Nello Musumeci, presidente della Regione siciliana, rivolgendosi al sindaco di Terrasini, Giosuè Maniaci, alla giunta e ai consiglieri comunali con in testa il presidente del Consiglio, Marcello Maniaci durante la visita ufficiale di oggi nel comune alle porte di Palermo. (l'Adige)

«Se si dimette si indebolisce, e rende più difficile per Giorgia Meloni chiederne la ricandidatura a governatore». L'obiettivo è allineare il rinnovo del Parlamento regionale con quello di Montecitorio e Palazzo Madama il 25 settembre. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr