Conte: «Sostegno a Draghi non è in discussione». Tra Di Maio e l'ex premier ora sorride Salvini: i numeri dell

Conte: «Sostegno a Draghi non è in discussione». Tra Di Maio e l'ex premier ora sorride Salvini: i numeri dell
ilmessaggero.it INTERNO

Al terzo posto è invece rimasta Forza Italia con 134 parlamentari, seguita a poca distanza dal Partito Democratico con 132.

Sembra strano a dirsi ma, pallottoliere alla mano, chi ne guadagna di più dalla scissione del Movimento 5 stelle è il leader leghista.

Viene quindi pesantamente intaccata la maggioranza relativa ottenuta dai grillini alle urne del 2018 (e già calata drasticamente durante la legislatura). (ilmessaggero.it)

La notizia riportata su altre testate

Non più ultimatum o decisioni sospese, come quella che ha permesso a Di Maio di andarsene, invece di essere cacciato. Rimandare un’azione del genere ne vanificherebbe l’efficacia, perché da oggi il M5S, con i nuovi numeri ridotti, sarà ancora meno influente nel governo. (Il Fatto Quotidiano)

Sarebbe bello discutere delle reali motivazioni anziché di questo stucchevole discorso sull’ 'atlantismo' che lascia il tempo che trova. A chiarirlo già stamattina era stato il gruppo parlamentare regionale, di cui fa parte anche l'agrigentino Giovanni Di Caro. (AgrigentoNotizie)

La newsletter del Corriere del Mezzogiorno - Puglia Se vuoi restare aggiornato sulle notizie della Puglia iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Mezzogiorno E significa anche sostenere il presidente del Movimento, Giuseppe Conte, perché è stato eletto con grande suffragio dalla nostra base. (Corriere del Mezzogiorno)

La spaccatura nei 5 Stelle: Gallinella saluta tutti e va con Di Maio. Ciprini, Pavanelli e De Luca restano: «C

Alla Camera il gruppo di Insieme per il futuro è già realtà, annunciato ieri mattina dal presidente Roberto Fico. «Sì, mi hanno contattato», confida lui, ex capogruppo grillino che non ha mai perso la stima reciproca con Luigi Di Maio. (ilmattino.it)

E i conti in Parlamento sono drammatici per i 5 Stelle. Nella formazione, ovviamente, vi sono tutti ex 5 Stelle, con l’eccezione di Antonio Lombardo, ex deputato di Coraggio Italia. (Il Riformista)

Di tutt'altro tono le parole del presidente della Commissione Agricoltura di Montecitorio, Filippo Gallinella: «Da oggi - si conclude la mia esperienza con il Movimento 5 Stelle. Pur essendo grato per l'opportunità di crescita sia personale che politica che mi è stata data, occorre guardare avanti (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr