Vaccino covid ai minori, serve il consenso dei genitori

Vaccino covid ai minori, serve il consenso dei genitori
Corriere Romagna INTERNO

A Pievesestina, nel Cesenate, l’inoculazione delle prime dosi si è “scontrata” con un rallentamento inatteso.

I minori venivano accompagnati al centro solo da uno dei genitori.

Da ieri pomeriggio sul portale dell’Azienda è presente da scaricare un apposito modulo di delega per il genitore eventualmente assente al momento della vaccinazione

Nessuno, comunque, è stato alla fine lasciato senza vaccino o rimandato a casa con un nuovo appuntamento. (Corriere Romagna)

Su altre fonti

4 ha espresso la finalità di “tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza”. Stando alla norma tali soggetti potrebbero esercitare il diritto di autodeterminazione negativa pur essendo soggetti a forte rischio (Il Fatto Quotidiano)

In base al patteggiamento, Brandenburg ha dichiarato di essere scettico sui vaccini in generale, e sul vaccino Moderna in particolare ha espresso le sue convinzioni sui vaccini ai suoi colleghi, prosegue la nota. (Sputnik Italia)

Negli Stati Uniti hanno pensato bene di regalare canne a chiunque abbia 21 anni e voglia ricevere il famoso vaccino. In particolare in America si sta cercando di sensibilizzare i giovani che sinora sono stati toccati meno dalla pandemia. (CheNews.it)

Vaccini anti Covid, in Lombardia somministrate 6.822.029 dosi: i dati di mercoledì 9 giugno

C'è chi avverte solo un lieve dolore al braccio, chi invece viene colto da spossatezza, febbre, mal di testa. Più singolare il fatto, documentato, che al richiamo si reagisca in modo più violento rispetto alla prima somministrazione: «Con la vaccinazione il corpo risponde simulando la malattia - spiega Berger - (Ticinonline)

Cruciale dunque un vero piano di comunicazione anche perché se si dovesse continuare la vaccinazione nei prossimi anni, solo il 41% si dice già convinto ad aderire Una situazione determinata anche dalla scarsa o appena sufficiente conoscenza dei vaccini registrata da ben un cittadino su tre (il 33%). (Il Sole 24 ORE)

La fascia d'età maggiormente coperta dal virus è quella degli over 80: 669.523 persone hanno ricevuto anche la seconda dose. Segue la fascia 50-59: sono 440.755 i cittadini immunizzati contro il Covid, mentre nella fascia 60-69 i cittadini che hanno ricevuto già anche la seconda inoculazione sono 426.234. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr