“Lo tengono come un prigioniero!” Le dichiarazioni dello zio di Eitan Biran sulle sue condizioni

Bigodino.it INTERNO

Lo zio del piccolo Eitan Biran afferma che i nonni lo tengono come un prigioniero. C’è molta ansia ed apprensione per le condizioni del piccolo Eitan Biran, il bimbo di 6 anni sopravvissuto al crollo della funivia Stresa Mottarone.

Lo zio però, afferma che non è così

Lo zio a cui era stato affidato afferma che i suoi nonni, che lo hanno rapito pochi giorni fa, lo tengono come un prigioniero.

Aya Biran, la sorella del padre e con cui viveva il piccolo, ha denunciato la sua scomparsa poche ore dopo. (Bigodino.it)

Su altri giornali

Intanto in serata l’ambasciata israeliana ha dichiarato: “Ci occupiamo del caso Eitan in collaborazione con l’Italia“ Dopo essere stato ascoltato dagli inquirenti, l’uomo è stato messo agli arresti domiciliari fino a venerdì. (Il Sussidiario.net)

A interrogare Shmuel Peleg è stata l'unità speciale 433. Peleg è stato posto agli arresti domiciliari fino a venerdì. (Liberoquotidiano.it)

E dopo l'interrogatorio nonno Shmuel Peleg è stato posto agli arresti domiciliari e gli è stato trattenuto il passaporto. Nonno Peleg. "Il trasferimento di Eitan in Israele è avvenuto in maniera legale e dopo una consultazione con esperti di diritto". (IL GIORNO)

Secondo alcune fonti giornalistiche israeliane, un'istanza per il rientro in Italia di Eitan sarebbe stata presentata al tribunale di Tel Aviv Spero che la saga finisca al più presto per il benessere mentale del bambino", ha commentato Or Norki, zio paterno di Eitan. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Come riporta Prima Novara, media locali riportano intanto che Eitan è a casa dell’uomo a Petah Tikva, non lontano da Tel Aviv. A comunicarlo è stata la Polizia, che ha preso la decisione dopo aver interrogato l’uomo: per lui l’accusa è quella di rapimento. (Notizia Oggi Borgosesia -)

In quell'occasione, comunque, il giudice dispose l'immediata riconsegna del passaporto israeliano di Eitan da parte del nonno: al piccolo era stato vietato l'espatrio La nonna di Eitan, Esther Anthen Cohen, aveva accusato la zia paterna del piccolo di vergognarsi di essere ebrea. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr