Israele, tonnellate di greggio sul litorale: danni all’ambiente per 170 chilometri

Israele, tonnellate di greggio sul litorale: danni all’ambiente per 170 chilometri
La Stampa ESTERI

Ma i danni ambientali, anche per il fondale marino, sono ingenti e secondo le stime richiederanno anni di impegno per essere riparati

Si presume si tratti di decine di tonnellate di greggio.

Ieri nelle spiagge di Israele migliaia di volontari hanno provveduto ad una prima pulitura.

Quantità di liquido oleoso, più o meno grandi, sono state rinvenute ieri su diversi tratti del litorale, dall'estremo Nord fino a Sud per una distanza complessiva di 170 chilometri. (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altri media

Il giorno dopo la fuoriuscita, inoltre, una balenottera comune lunga 17 metri è stata rinvenuta a riva, morta. Articolo in aggiornamento. Uno sversamento di petrolio sta interessando le coste di Israele che si affacciano sul mar Mediterraneo. (LifeGate)

La newsletter mensile con le notizie dal territorio (Italia che Cambia)

Uno sversamento di greggio dalle proporzioni enormi, si presuppone possano essere 1000 tonnellate di bunker marittimo, di cui è ancora sconosciuta la provenienza. Il primo ministro libanese, Hassan Diab, ha dichiarato che il governo "sta lavorando per cercare di fare fronte ai danni del petrolio" (Corriere marittimo)

Israele, disastro ecologico: una marea nera si riversa sulla costa mediterranea

Per l'Inpa (Israel Nature and Parks Authority), l'agenzia governativa che gestisce e si prende cura delle riserve naturali del Paese, ci sono pochi dubbi: "È il peggior disastro ambientale nella storia di Israele" Per le autorità locali si tratta del peggior disastro ecologico degli ultimi decenni. (Ohga!)

Beirut (AsiaNews) - Un disastro ecologico di enormi proporzioni rischia di investire buona parte delle coste del Mediterraneo orientale. Questo è il motivo per cui dal porto di Ashdod è andata verso il sud del Libano. (AsiaNews)

n terribile disastro ambientale si è abbattuto sull’intera costa mediterranea israeliana, raggiunta da una marea nera di catrame sospinta dalla tempesta dei giorni scorsi. L’esame dei danni potrà essere ultimato solo con l’attenuarsi dell’alta marea che sembra destinata a protrarsi ancora per qualche giorno con una nuova ondata di maltempo in arrivo (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr