Quello che succede durante i lockdown forzati in Cina

Quello che succede durante i lockdown forzati in Cina
Per saperne di più:
Ticinonline ESTERI

ui social cinesi stanno circolando inquietanti immagini di quarantene forzate e persone in preda al panico, intente a strappare dalle mani degli altri beni di prima necessità al supermercato.

Per sette giorni di fila, i risultati dei Covid test fatti in massa, registravano praticamente zero casi di positività.

Ciò nonostante centinaia di città sono in lockdown.

Sarebbero parte delle conseguenze della rigida strategia "Covid-Zero" che si sta attuando in gran parte della Cina (Ticinonline)

Se ne è parlato anche su altri giornali

La strategia zero-Covid rimane la scelta migliore per la Cina, secondo Liang Wannian, uno dei massimi esperti che supervisiona la risposta all’epidemia del Paese. La politica non conterrà infezioni ma porterà a focolai più grandi, che a loro volta causano lockdown più gravi, ha affermato. (epochtimes.it)

La politica “Covid zero” cinese, che cerca di fermare il virus con lockdown e tracciamenti, si sta rivelando sempre più pesante. Il tutto nonostante la casa automobilistica tedesca avesse per tempo provveduto a testare tutti i lavoratori sul Covid-19. (Scenarieconomici)

Perché oltre che a rallentare la produzione, la chiusura delle fabbriche potrebbe causare un ulteriore intasamento dei porti. La pandemia ha reso evidente quanto i consumi dei paesi occidentali dipendano dalla produzione cinese (Metropolitan Magazine )

Stiamo andando verso “La Madre di tutti i disastri logistici”?

La politica “Covid zero” cinese, che cerca di fermare il virus con lockdown e tracciamenti, si sta rivelando sempre più pesante. Come riporta Reuters, per lo scoppio di un focolaio Covid-19 a Tianjin, la Volkswagen è stata costretta a chiudere i propri impianti industriali in città. (GameGurus)

Certo, i lockdown duri imposti dal Partito comunista cinese a milioni di persone, al primo caso di positività, sono operazioni tipicamente cinesi che risulterebbero impraticabili in Occidente. L’altissimo tasso di trasmissibilità di Omicron, che nei Paesi occidentali sta facendo registrare numeri di contagio impetuosi, sta mettendo a dura prova anche le strategie cinesi. (Il Sole 24 ORE)

Entrando nel quarto trimestre, ci sono 12 province che hanno riscontrato più di 19 casi locali negli ultimi 14 giorni Ancora più allarmante, lo stesso ceppo di virus Omicron si è già diffuso al di fuori di Tianjin. (Scenarieconomici)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr