Borsa: Mosca chiude in calo (-0,2%), il rublo s'indebolisce

Tiscali Notizie ESTERI

Tra i titoli, hanno perso le grandi banche, come Sberbank (-1,4%) e Vtb Bank (-1%).

Quasi piatta nell'estrattivo Polymetal (+0,04%), in discesa nel siderurgico Severstal (-0,6%).

Nel comparto energetico in calo Gazprom (-0,4%) e Novatek (-1,7%) tra le società legate al gas, guadagni invece per i petroliferi Rosneft (+2,5%) e Lukoil (+0,6%).

- MILANO, 27 MAG - Chiusura in calo per la Borsa di Mosca, dopo due sedute in rialzo. (Tiscali Notizie)

Su altre fonti

Dopo la decisione il rublo si è indebolito nei confronti del dollaro, ma rimane comunque ai massimi dal 2018. La domanda di rubli è forte perché con i rubli si possono comprare petrolio e gas, acciaio e fertilizzanti, grano e titanio. (Il Sussidiario.net)

"Gli ultimi dati settimanali indicano un. "Ad aprile - spiega la Banca di Russia - l'inflazione annuale ha raggiunto il 17,8%, tuttavia, in base alle stime del 20 maggio, ha rallentato al 17,5%, diminuendo più velocemente rispetto alle previsioni di aprile". (Teleborsa)

I tassi di interesse stabiliti dalla banca centrale russa prima della sforbiciata erano al 14%. Questo implica un drammatico calo delle esportazioni perché “la moneta rende i prodotti russi meno competitivi” riporta l’agenzia russa Tass. (Il Sussidiario.net)

La Banca centrale russa "mantiene" quindi "aperta la prospettiva di una nuova riduzione dei tassi nelle prossime riunioni" a partire da quella del 10 giugno. - MILANO, 26 MAG - La Banca centrale russa ha tagliato i tassi di interesse dal 14 all'11% e potrebbe tagliarli ulteriormente "nelle prossime riunioni" se l'andamento dell'inflazione lo consentirà. (Tiscali Notizie)

Il rafforzamento per certi versi inatteso del rublo pare aver attenuato, per ora, l'effetto perverso delle sanzioni. «La Russia sta diventando un po' più forte grazie alle sanzioni». (ilGiornale.it)

"Gli ultimi dati settimanali - afferma l'istituto - evidenziano un significativo rallentamento dell'attuale tasso di crescita dei prezzi. La Banca centrale russa ha tagliato i tassi di interesse dal 14 all'11% e potrebbe tagliarli ulteriormente "nelle prossime riunioni" se l'andamento dell'inflazione lo consentirà. (La Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr