"AstraZeneca è stato prodotto il 15 Luglio 2018!", la bufala sui social

Bufale.net ECONOMIA

La spiegazione in questo caso è semplice: come ricorda ChesireLive foto dei primi inscatolamenti arrivarono sui Social per vie traverse sin da Febbraio.

Ovviamente, sappiamo che prima del 2020 il vaccino AstraZeneca non esisteva, ed ha assunto solo successivamente il nome attuale VaxZevria per motivi commerciali.

“AstraZeneca è stato prodotto il 15 Luglio 2018!”, la bufala sui social. Ci segnalano i nostri contatti una foto secondo cui il vaccino AstraZeneca è stato prodotto il 15 Luglio 2018. (Bufale.net)

Su altri giornali

Paolo Di Maro, 72 anni, ha avuto i primi sintomi del Covid due giorni dopo la seconda dose di AstraZeneca. Muore di Covid dopo aver ricevuto la doppia dose di vaccino AstraZeneca. Due giorni dopo i primi sintomi: spossatezza e forti mal di testa. (NapoliToday)

Almeno un over 12 su due lo ha fatto. Almeno un over 12 su due lo ha fatto. Sono 65.315.438 le dosi effettuate: il 95% del totale di quelle consegnate, pari finora a 68.748.321 (nel dettaglio: 47.506.912 Pfizer/BioNTech, 7.118.302 Moderna, 11.858.468 Vaxzevria-Astrazeneca e 2.264. (Gazzetta del Sud)

Però io non approvo che il Paese dove vivo possa imporre un obbligo, una coercizione per DPCM. Dopo la seconda dose di Astrazeneca ho rischiato la vita. (La Pressa)

Io sono rimasta ovviamente isolata ma una persona con meno senso civico con quel green pass avrebbe potuto andare ovunque. Eppure, ha raccontato la docente, “sulla app Immuni da quando ho fatto la seconda dose di vaccino ho l’Eu digital covid certificate che vale come green pass. (Silenzi e Falsità)

Ma per ora è prematuro pensare a una terza dose mischiando i… | Read More | Repubblica.it > Cronaca. Advertisements Loading n vaccino a Rna dopo AstraZeneca fa produrre anticorpi sei volte più numerosi rispetto alla doppia dose di Pfizer. (HelpMeTech)

A riportarlo i dati dell'Iss, che hanno preso in considerazione i dati dal 4 aprile al 18 luglio. L’efficacia nel prevenire i ricoveri in terapia intensiva è pari all’89% (IC95%: 86,9%-90,1%) con ciclo incompleto e 97% con ciclo completo (IC95%: 96,5%-98,0%). (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr