Contagi a Ponente sempre critici, il soccorso degli altri ospedali

Contagi a Ponente sempre critici, il soccorso degli altri ospedali
La Repubblica INTERNO

«Siccome il generale Figliuolo dice che arriveranno più vaccini, e io me lo auguro - sostiene Toti - noi siamo pronti ad aumentare quanto serve.

L’effetto “collaterale” è che pure gli ospedali genovesi rischiano la saturazione.

Tutti gli sforzi, adesso, sono concentrati sugli ospedali del ponente ligure.

Sui domiciliari l’arrivo a metà aprile di Johnson & Johnson, che consentirà una sola dose, ci faciliterà ulteriormente il compito»

Questa volta sono stati gli ospedali Galliera a Genova (+4) e quello di Sarzana (+6) ad accogliere più pazienti malati di Covid. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Nella zona di Genova e La Spezia si può uscire senza autocertificazione e circolare all’interno del proprio comune di residenza. I negozi sono aperti come Bar e Ristoranti ma solo per attività di asporto o di consegna a domicilio (delivery). (Liguria Oggi)

Di seguito il dettaglio dei nuovi positivi, riferito alla residenza della persona testata. IMPERIA (Asl 1): 47. SAVONA (Asl 2): 138. GENOVA: 210, di cui:. · Asl 3: 199. · Asl 4: 11. LA SPEZIA (Asl 5): 7. (Riviera24)

Dall'inizio delle somministrazioni sono state consegnate alla Liguria 397.560 dosi e ne sono state inoculate 325.863, pari all'82%, spiega la Regione in una nota La Liguria registra 412 nuovi positivi al Covid-19 oggi, a fronte di 4.338 tamponi molecolari effettuati nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono altri 1.662 tamponi antigenici rapidi. (La Repubblica)

Covid: Imperia in zona rossa sino all'11 aprile. Presidente Liguria Toti. "Speriamo ultimi sacrifici, l'Italia riparta di slancio verso futuro"

La Spezia, 5 aprile 2021 - La Liguria registra oggi 402 nuovi positivi al Covid dopo avere processato 2.571 tamponi molecolari e 1.330 tamponi antigenici rapidi. La Liguria vede anche 5 pazienti in più di ieri negli ospedali, per un totale di 761 ricoveri, di cui 78 in terapia intensiva. (LA NAZIONE)

Da oggi, dunque, la Liguria è letteralmente “spezzata” in due dal punto di vista delle restrizioni anti contagio. L’ingresso nei luoghi di culto resta quindi consentito, purché si evitino assembramenti e si assicuri la distanza interpersonale non inferiore a un metro (IVG.it)

Esclusivamente nell’imperiese e nel savonese, la zona rossa fino all’11 aprile comporta la didattica a distanza al 100% anche per la seconda e la terza media (scuola secondaria di primo grado) Per effetto dell’ordinanza firmata dal presidente Toti, fino all’11 aprile i territori imperiese e savonese rimarranno in zona rossa mentre il resto del territorio tornerà in zona arancione. (IMPERIAPOST)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr