Lecce, perdono il figlio per un male incurabile, genitori non reggono: morti a pochi giorni di distanza

Lecce, perdono il figlio per un male incurabile, genitori non reggono: morti a pochi giorni di distanza
Leggo.it Leggo.it (Interno)

Un uomo di 50 anni,, è morto per un male incurabile dopo diversi anni di lotta, sostenuto dai suoi genitori, che non hanno retto al dolore della perdita del figlio e sono deceduti anche loro, a pochi giorni di distanza.

Se ne è parlato anche su altri media

PAOLO E IMMACOLATA MUOIONO POCHI GIORNI DOPO L’ADDIO AL LORO ADORATO FIGLIO ANGELO. La storia partita dalla provincia di Lecce ha fatto il giro dei siti web e dei giornali e oggi viene raccontata davvero da tutte le testate nazionali. (Ultime Notizie Flash)

E’ probabilmente quello che penseranno i ragazzi della famiglia Brinks ogni volta che tornano nel loro villaggio composto da 6 piccole case. Cinque anni fa, i Brink acquistarono una proprietà di circa 8 ettari nel Kentucky con l’idea di trasformarla in un piccolo villaggio sostenibile fatto di tiny house, una per ogni membro della famiglia. (greenMe.it)

Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web. I funerali di Angelo sono stati celebrati il 29 gennaio e 12 giorni dopo, il padre di 76 anni si è lasciato morire. (Tuscia Web)

Infine, anche la madre è scomparsa quando ancora erano in corso le operazioni di sepoltura del marito. Nardò, genitori morti dopo il figlio. Tragedia a Nardò, dove una famiglia è sparita a pochi giorni di distanza: i genitori di un uomo di 50 anni sono morti poco dopo il figlio. (Notizie.it )

Si vede che hanno qualcosa da perdere e non possono permettersi una sanzione da parte delle forze dell'ordine. La cosa interessante, e consolatoria, è che gli autori delle affissioni scelgono viuzze laterali e solitarie per le loro bravate notturne. (Porta di Mare)

Alle 4 del mattino del 10 febbraio il padre Paolo Antonio, 76 anni, non ha retto: è morto in casa - in zona Le Fattizze, vicino alla pista Porsche -, nel suo letto, di crepacuore. . Sopravvivere a un figlio è senza dubbio il dolore più atroce che un genitore possa sopportare. (Quotidiano di Puglia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti