METEO: FREDDO e GELO come a GENNAIO ma le TEMPERATURE sono in AUMENTO anche se non ovunque. MAPPE

METEO: FREDDO e GELO come a GENNAIO ma le TEMPERATURE sono in AUMENTO anche se non ovunque. MAPPE
Per saperne di più:
3bmeteo INTERNO

Torna leggermente sotto media anche l'Adriatico centrale mentre salgono in media tutte le regioni meridionali con picchi fino a 20-22°C in Puglia sul Tavoliere

TEMPERATURE VENERDÌ: valori minimi ancora abbondantemente sotto media, fino a 10°C in meno con ancora possibili gelate sulle aree rurali della Valpadana e nelle valli del Centro.

Per il resto poche variazioni con valori ancora spesso sotto media seppur non di molto. (3bmeteo)

Su altre fonti

08 aprile 2021 a. a. a. L’ondata di freddo che ha caratterizzato gli ultimi giorni non sarà un unicum. Stando alle previsioni de ilmeteo.it, stanno per tornare le piogge atlantiche: già questo weekend sarà caratterizzato dal maltempo, ma a partire da lunedì 12 aprile sono attese piogge battenti e forti temporali su diverse regioni. (Liberoquotidiano.it)

Ora ci attende una breve tregua con sole prevalente e addocilcimento termico, ma clima notturno e mattutino ancora piuttosto freddo”. In Abruzzo registrati ben -22,6°C ai Piani di Pezza, -20,4°C a Campo Felice e -8°C all'Aquila. (FirenzeToday)

Coldiretti e Codipra confermano: “C’è il rischio gelate”. TRENTO. Per difendere alcune colture dal freddo nelle campagna sono state accese anche le torce. (il Dolomiti)

Meteo, le gelate «tardive» mettono in ginocchio l’agricolgtura: sono le più intense degli ultimi 20 anni

Tra le colture a rischio anche i tanti frutteti del Veneto: dai kiwi ai ciliegi del Vicentino. «Siamo passati da temperature sopra i 20-25 gradi (prima anomalia) dei giorni scorsi alla gelata dell’altra notte (altra anomalia). (TrevisoToday)

“Pomodori, zucchine, peperoni ed altri ortaggi sono compromessi ma anche le piante ornamentali hanno sofferto per le gelate notturne – prosegue -. Ora il gelo ha colpito duramente le campagne dove le produzioni sono state praticamente dimezzate. (IlGiunco.net)

Puglia Dimezzate le produzioni di albicocche, pesche e ortaggi con le ripercussioni più gravi sulle ciliegie nel Barese. Le temperature scese in pianura sino a 7 gradi sottozero hanno stroncato ettari di frutteti e vigneti, piantagioni orticole e di mais, avverte l’associazione Cia-Agricoltori italiani. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr