Coronavirus, Opi Caserta destina 3mila euro all'acquisto di tamponi per gli infermieri.

Coronavirus, Opi Caserta destina 3mila euro all'acquisto di tamponi per gli infermieri.
Nurse Times Nurse Times (Esteri)

Gli stessi tamponi saranno distribuiti agli infermieri impegnati in prima linea nelle strutture ospedaliere esposte, così tentando di avere risultati in tempi brevissimi sull’eventuale positività del contagio.

La notizia riportata su altre testate

Per visualizzare questo contenuto devi accettare la nostra cookies & privacy policy Accetto Per visualizzare questo contenuto devi accettare la nostra cookies & privacy policy Accetto. Per visualizzare questo contenuto devi accettare la nostra cookies & privacy policy Accetto Per visualizzare questo contenuto devi accettare la nostra cookies & privacy policy Accetto. (AssoCareNews.it)

“Cara dottoressa – si legge sul cartello – sappia che in questo condominio abitano una neonata di 6 mesi e una signora ultra-ottantenne, vedova. La dottoressa lavora nel reparto Covid dell’ospedale, per cui l’autore del messaggio intimidatorio ha forse temuto che lei potesse farsi veicolo d’infezioni. (Virgilio Notizie)

Perugia, 24 marzo 2020 - Un gesto di solidarietà nei confronti di tutti quei medici, infermieri e sanitari da settimane in trincea per fronteggiare il nemico invisibile. (LA NAZIONE)

Le infermiere dell'ospedale di Pavullo lo fanno così, con una dolcezza che scalda il cuore", si legge sul post che accompagna la foto. L'immagine è stata condivisa su Facebook dall'Azienda USL di Modena e in breve tempo ha commosso il web. (Fanpage.it)

Sono i 122 medici e gli infermieri che hanno risposto al bando straordinario della Regione di sabato scorso, una selezione avviata in tempio brevissimi per professionisti destinati alle strutture sanitarie di Piacenza e Parma, le province più colpite dal Covid-19. (Regione Emilia Romagna)

Pazienti isolati, che non hanno contatti con le loro famiglie e che si ritrovano ad affrontare l’incubo pienamente coscienti, ma senza fiato, letteralmente. Per loro gli scambi di parole con il personale sanitario è la loro unica ancora. (greenMe.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.