Vaccini, Ema avvia valutazione su Vidprevtyn di Sanofi Pasteur

Vaccini, Ema avvia valutazione su Vidprevtyn di Sanofi Pasteur
LaPresse SALUTE

(LaPresse) – Il comitato per la valutazione dei medicinali (CHMP) dell’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, ha avviato una revisione di Vidprevtyn, un vaccino contro il Covid-19 sviluppato da Sanofi Pasteur

Milano, 20 lug.

(LaPresse)

Ne parlano anche altri giornali

La revisione andrà avanti fino a quando non saranno disponibili prove sufficienti per una domanda formale di autorizzazione all’immissione in commercio. (L'Unione Sarda.it)

Come funzione il vaccino Sanofi: tecnologia mRna (quella di Pfizer e Moderna). I vaccini funzionano insegnando al corpo a riconoscere e distruggere gli agenti patogeni, come virus e batteri Quando una persona riceve il vaccino, il suo sistema immunitario riconosce la proteina spike come estranea e crea anticorpi contro di essa. (ilmessaggero.it)

L’ultima parola spetta all’Agenzia del farmaco europea, da cui dipende l’italiana Aifa, che dovrà stabilire ora se i benefici superano i rischi. Non ci sono tempi certi sull'approvazione: la rolling review “continuerà finché non saranno disponibili evidenze sufficienti” per la commercializzazione in Ue. (RagusaNews)

Vaccino Covid, cosa sappiamo del nuovo Vidprevtyn e quando arriva in Italia

La decisione dell’Ema di avviare la revisione continua si basa sui risultati preliminari degli studi di laboratorio e dei primi studi clinici negli adulti, secondo i quali il vaccino sembra innescare la produzione di anticorpi che combattono l’infezione dal virus che causa il Covid e può aiutare a proteggere dalla malattia. (Milano Finanza)

Quando una persona riceve il vaccino, il suo sistema immunitario riconosce la proteina 'spike' come estranea e crea anticorpi contro di essa. La sperimentazione del vaccino non aveva dato inizialmente risultati soddisfacenti e l'iter del vaccino franco-britannico si era fermato (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Vaccino Covid, cosa sappiamo del nuovo Vidprevtyn: quando arriva. Secondo quanto rende noto l’Aifa, la controparte italiana dell’Ema, sebbene non sia possibile prevedere delle tempistiche precise, la procedura potrebbe essere molto più breve rispetto a quella ordinaria grazie al lavoro già svolto durante la revisione ciclica. (QuiFinanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr