Italia: inflazione preliminare balza a +3,8% su base annuale

Money.it ECONOMIA

L’indice armonizzato dei prezzi annuale balza al 4% e quello mensile a +0,8%

Italia: inflazione preliminare di novembre in primo piano con i dati aggiornati sul Calendario Economico.

L’indice dei prezzi al consumo annuale ha messo a segno un aumento del 3,8% su base annuale, rispetto al precedente 3,0% e a stime di 3,2%.

L’IPC mensile nel rilascio preliminare ha mostrato un +0,7% come nella precedente lettura, in rialzo rispetto allo 0,1% delle attese. (Money.it)

Su altre testate

Ogni lunedì la redazione di siderweb realizza il siderweb TG, il telegiornale della siderurgia che ti aggiorna sulle più importanti notizie della settimana Per sette giorni puoi navigare liberamente e sperimentare tutte le opportunità del sito. (Siderweb)

La stima completa dei conti economici trimestrali conferma quindi una ripresa congiunturale sostenuta dell’economia italiana nel terzo trimestre, in misura pari al 2,6%, analogamente a quanto anticipato dalla stima preliminare. (LaPresse)

Rispetto al trimestre precedente, tutti i principali aggregati della domanda interna sono in aumento, con un incremento del 2,2% dei consumi finali nazionali e dell’1,6% degli investimenti fissi lordi. (Ultime notizie dall'Italia e dal mondo)

Guardando alle principali componenti inflattive nell’area dell’euro, l’energia dovrebbe registrare il tasso annuo più elevato a novembre (27,4%, rispetto al 23,7% di ottobre). In Italia il dato dell’inflazione è stimato in crescita al 4% rispetto al 3,2% segnato in ottobre (LaPresse)

L”inflazione ‘di fondo’, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici accelerano entrambe da +1,1% di ottobre a +1,4%. Tanto per dire delle difficoltà in casa, però, il prossimo ministro delle finanze christian lindner indicava nelle stesse ore: “L’inflazione suscita legittime preoccupazioni”. (L'HuffPost)

Fra le imprese cooperative che temono un peggioramento dei costi – spiega Uecoop – più della metà (55%) crede che l’effetto sui bilanci sarà molto rilevante, il 20% ritiene che si sentirà abbastanza mentre 1 su 4 (25%) pensa che l’impatto pur presente si sentirà, ma in misura ridotta. (Sardegna Reporter)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr