Istat: tasso disoccupazione giovani febbraio al 31,6%

Istat: tasso disoccupazione giovani febbraio al 31,6%
il Fatto Nisseno INTERNO

I giovani al lavoro a febbraio erano 919.000, il 15,7% del totale, con un calo di 159.000 unita’ rispetto a un anno prima e con un aumento di 4.000 unita’ su gennaio

Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni a febbraio era del 31,6% con un calo di 1,2 punti su gennaio e un aumento di 2,6 punti su febbraio 2020 prima dell’inizio delle restrizioni alle attivita’ per prevenire il contagio da Covid. (il Fatto Nisseno)

La notizia riportata su altre testate

Parallelamente sono cresciuti i disoccupati (+21 mila) e, soprattutto, gli inattivi, di oltre 700mila unità. Rispetto a febbraio 2020, il tasso di occupazione è più basso di 2,2 punti percentuali e quello di disoccupazione è più alto di 0,5 punti". (la Repubblica)

Il Fmi corregge al rialzo le previsioni sulla disoccupazione per il biennio: quest’anno dovrebbe arrivare al 10,3% (nell’ottobre scorso si prevedeva un 11,8%). Quasi un milione di posti di lavoro sparito a causa del Covid: a febbraio gli occupati erano 22.197.000, cioè 945.000 in meno rispetto a febbraio 2020. (Metropolis)

In un anno di pandemia l'Italia ha perso 945mila lavoratori. I disoccupati a febbraio, infatti, erano 2.518.000, in aumento di 21mila unità rispetto a febbraio 2020 ma in diminuzione di 9mila unità su gennaio 2021). (Yahoo Eurosport IT)

Istat, spariti in un anno un milione di posti di lavoro

Il tasso di occupazione scende, in un anno, di 2,2 punti percentuali, quello di disoccupazione è più alto di 0,5 punti S'interrompe, così, il trend negativo che, tra settembre 2020 e gennaio 2021, ha portato alla perdita di oltre di 410 mila occupati. (Notizie - MSN Italia)

Rispetto al mese di gennaio non si registrano variazioni di rilievo, mentre rispetto al mese di febbraio del 2020 sono stati persi 945.000 posti di lavoro. “A febbraio gli occupati sono sostanzialmente stabili rispetto a gennaio, mentre scendono lievemente i disoccupati e gli inattivi”, recita la nota dell’Istat. (News Mondo)

La fotografia Istat è in chiaroscuro, anche se le prospettive, anche in vista di un possibile stop ai licenziamenti, restano assai incerte. – Disoccupazione che va stabilizzandosi dopo la spallata ricevuta dagli effetti Covid sul lavoro che in un anno hanno causato la perdita di circa un milione di posti. (Cronachedi.it - Il quotidiano online di informazione indipendente)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr